Google+

Ministro Marocco: Ruby non era minorenne quando conobbe Berlusconi

gennaio 27, 2014 Redazione

Lo afferma in un’intervista al quotidiano Al Akhbar il ministro marocchino Mohamed Mobdii. Sostiene di essere stato lui a firmare l’atto di nascita di Karima El Mahroug, quando era presidente di circoscrizione.

SAMSUNGRuby non era minorenne quando conobbe Silvio Berlusconi. Lo afferma oggi in un’intervista al quotidiano Al Akhbar, il ministro marocchino della Funzione Pubblica, Mohamed Mobdii. Il ministro afferma di essere stato lui a firmare l’atto di nascita di Karima El Mahroug, quando era presidente di circoscrizione.

Il ministro del governo di Rabat dice che Karima El Mahroug sarebbe nata nel 1992 e che, di conseguenza, sarebbe stata maggiorenne quando conobbe Berlusconi nel febbraio 2010. Come tutti sanno, Berlusconi è stato condannato in primo grado nel processo che lo coinvolge assieme alla giovane marocchina.

Mobdii dice anche di essere stato «molto attento a conservare il file della sua nascita. Avevo paura che venisse rubato o falsificato». Ha poi spiegato di aver ricevuto una comunicazione dal consolato marocchino di Milano che gli chiedeva di «spedire i documenti in una valigia diplomatica» affinché non potessero subire «una operazione di falsificazione».

L’ex deputata del Popolo della Libertà Souad Sbai ha rivolto un appello alla Procura della Repubblica perché intervenga per accertare la verità recuperando la documentazione originale e ascolti il ministro marocchino Mobdii. «È una notizia che non va nascosta sotto il tappeto perché gli italiani vogliono conoscere la verità una volta per tutte su questa vicenda».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

12 Commenti

  1. ragnar scrive:

    E adesso cosa succede?

  2. Tobi scrive:

    mah, ci sarà qualche magistrato che dirà che Berlusconi allora non poteva non sapere che Ruby era minorenne perché che fosse maggiorenne gli è stato notificato ufficialmente solo ora dal ministro del Marocco.

    • Andrea (uno dei tanti) scrive:

      magari qualcuno avvertirà anche Ruby, gli dirà “che sciocchina, eri maggiorenne e non lo sapevi, non occorreva mentire sull’età”.

      magari qualcuno farà anche i complimenti a tal “Mohamed Mobdii” che con prodigiosa memoria si ricorda tutti gli atti di nascita firmati 22 anni fa.

      Oppure gli tirerà le orecchie, visto che questa storia è finita sui girnali di tutto il mondo nel 2010 e lui si sveglia 4 anni dopo.

      Ma sul serio ci credete?

      • Tobi scrive:

        bene, allora urge che la procura di Milano spicchi un mandato di cattura internazionale contro il ministro del Marocco per non aver rivelato tempestivamente dei dati anagrafici che hanno così tanta importanza per gli equilibri geo-politici mondiali. O meglio, per averlo rivelato il dato anagrafico. Non poteva starsene zitto? Così manda a monte inchieste pluriennali importantissime che pare avessero priorità su indagini di mafia, corruzione, disastri sull’ambiente e altre simili problematiche di poco conto.

        • Andrea (uno dei tanti) scrive:

          Gentile Tobi, come riporta il quotidiano “Il Giornale” vedi

          http://www.ilgiornale.it/news/interni/riparte-processo-ruby-bis-920352.html

          Ruby ha dichiarato in aula, sotto giuramento:

          “Quando mi sono trovata in difficoltà ho iniziato a chiamare Spinelli chiedendo se potevo avere un aiuto visto che non potevo avere contatti con il dottor Berlusconi, che si era incavolato perché aveva saputo che gli avevo raccontato un sacco di storie e che in realtà ero minorenne”.

          Adesso salta fuori questa che batte tutte le panzane sentite su questo stramaledetto processo/fattaccio che ci ha coperti di ridicolo nel mondo:

          NON SAPEVA DI ESSERE MAGGIORENNE.

          Oppure lo sapeva e ha mentito….. mi spieghi lei perchè visto che il reato di falsa testimonianza non è bruscolini.

          Isomma, questo “ministro” o è mentalmente celenterato che ci mette 4 anni a formulare una dichiarazione tanto cruciale o è un “olgettino” prezzolato.

          In ogni caso che se lo tengano i marocchini, altro che mandato internazionale.

          • Tobi scrive:

            Gentile Andrea, io non so chi abbia ragione tra il ministro o laragazza marocchini, ma so di sicuro una cosa. Chi ci copre di ridicolo nel mondo sono quegli stessi italiani che pur di screditare chi non gli va a genio parlano male del nostro paese accusandolo di tutto il marcio possibile. Marcio che, detto tra di noi, esisteva già da molto prima. Delle nostre vicende politiche i giornali esteri fanno un copia-incolla degli articoli di La Repubblica. E molti italiani leggono anche La Repubblica. Ma se si informassero su quello che ha fatto il proprietario di quel giornalaccio, sui danni che ha prodotto alle nostre industrie (fallimenti di industrie fiore all’occhiello della nostra ormai ex-informatica come la Olivetti), i morti di tumore per amianto o per le esalazioni delle centrali energetiche appartenenti in buona parte al tizio in questione, all’informazione, alla politica, e pertanto alla vita di noi italiani, altro che le cose di cui stiamo discutendo io e lei adesso, quindi non ci resta che perder tempo su questioni marocchine. Un saluto.

            • Andrea (uno dei tanti) scrive:

              Grazie per i saluti.

              Concordo sul fatto che la magistratura deve indagare senza preconcetti a seconda che si tratti di Tizio o Caio, ci mancherebbe.

              Però, OGGETTIVAMENTE, la vicenda Ruby ci ha coperto di ridicolo. E non certo perchè i cronisti stranieri sono ebeti che leggono solo La Repubblica: basta un minimo di onestà intelettuale per ammettere che c’è di che vergognarsi.

              La verità processuale la lascio al processo, agli avvocati e compagnia bella.
              Io una mia idea su questa e altre cose me la sono fatta e voto di conseguenza.

              Però a legger certe veline e vedere gente che le prende pure sul serio mi fa pensare che talune categorie non siano le uniche a cui piace farsi prendere per il c.

              • Tobi scrive:

                d’accordo, se vicende come quella di Ruby sono fondate che i magistrati indaghino pure. Però mi aspetterei che con stessa solerzia come nel caso Ruby i magistrati indaghino e soprattutto facciano arrestare quelli che avvelenano, corrompono e distruggono questo paese e di cui non si parla mai (perché?).

  3. Cisco scrive:

    Adesso mi sento molto meglio, erano mesi che non riuscivo a dormire per questa brutta faccenda (ma in compenso ho sognato Ruby). A questo punto Alfano può anche fregarsene dei principi non negoziabili e tornare all’ovile…

  4. luca scrive:

    e se ne ricorda ora che era maggiorenne? ma fatemi il favore

  5. Enrico scrive:

    La procura di Milano ha denunciato anche il Ministro marocchino per falsa testimonianza. O no!?!?!?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana