Google+

Romano: «Concertare è sbagliato, i sindacati non rappresentano tutti»

marzo 16, 2012 Leone Grotti

L’editorialista del Corriere della Sera Sergio Romano spiega a Tempi.it perché il governo può ascoltare i sindacati ma poi deve decidere da solo: «Il sindacato difende degli interessi particolari, non è un rappresentante istituzionale, non salvaguarda tutti. Il metodo della concertazione è errato e crea anche debito pubblico»

«La concertazione è un sistema errato, oggi come ieri. Il sindacato è convinto di rappresentare tutti quando si parla di temi sociali ed economici ma è falso. È un meccanismo non solo sbagliato ma anche dannoso, visto che crea debito pubblico». L’editorialista del Corriere della Sera Sergio Romano spiega a Tempi.it perché il governo Monti sulla riforma del mercato del lavoro e dell’articolo 18 può ascoltare i sindacati, se vuole, «ma poi deve decidere da solo».

Che cosa c’è di sbagliato se il governo decide le riforme concertandole assieme al sindacato?
«Tutto. Decidere assieme significa accettare il sindacato come condomino, per così dire, come un rappresentante istituzionale, mentre invece non lo è. I sindacati sono associazioni di interessi specifici, i nostri poi sono anche rappresentanti dei pensionati. Quindi il governo, se vuole, fa bene ad ascoltarli come portatori legittimi di interessi, può anche analizzare le loro proposte qualora le portino ma considerarli interlocutori semi-istituzionali, o addirittura istituzionali, è sbagliato».

Il leader della Cgil Susanna Camusso, però, sembra pretendere la concertazione.
«Questa mentalità tipica del sindacato italiano è nata agli inizi del ‘900, quando si ispirava a Sorel ed era un movimento anarchico e rivoluzionario che si sentiva rappresentante della mutazione della società. Dopo ha perso questo carattere, per riacquistarlo intorno al ’68. Già negli anni ’70 i sindacati volevano essere interlocutori del governo e decidere assieme, e già allora la concertazione ha portato a effetti distorsivi».

Distorsivi di che cosa?
«Delle istituzioni. Mi spiego. Applicando la concertazione si dividono i cittadini in due categorie: quelli che hanno votato, e sono quindi rappresentati in Parlamento, e quelli che oltre ad avere votato, sono anche iscritti al sindacato e quindi sono doppiamente rappresentati. E questa è la prima distorsione. Ma ce n’è anche una seconda: quando il sindacato si propone come passaggio obbligato prima di scrivere leggi e riforme, sottrae competenze al Parlamento ed esercita pressione perché lo mette davanti a un fatto già compiuto. Ad ogni modo, di questi tempi la concertazione è qualcosa che non ci possiamo permettere».

In che senso?
«Quando ci si mette a parlare con un rappresentante istituzionale, è necessario accordarsi, altrimenti non si va avanti. Bisogna mettersi d’accordo ed è necessario fare compromessi. Ci sono diversi tipi di compromessi ma tutti richiedono delle compensazioni in cambio dell’accordo. Ora, tutte le compensazioni comportano spese e costi aggiuntivi per l’erario. La concertazione, insomma, è un meccanismo che crea debito pubblico e il nostro è già troppo alto».

Di critiche come la sua non se ne leggono molte.
«In questi ultimi anni si è parlato meno di concertazione, anche perché durante il governo Berlusconi non c’è stata. Davanti a Berlusconi, infatti, i sindacati erano divisi mentre la base della concertazione è l’unità del sindacato. Anche per questo Susanna Camusso rifiuta l’ipotesi che il governo incontri singolarmente i sindacati».

Che cosa dovrebbe fare il governo?
«Non credo che Monti abbia bisogno di consigli, anche perché mi par di capire che non vogliano la concertazione. Già solo proporre incontri separati con i diversi sindacati va in questa direzione. Ascoltare è sempre giusto ma poi ognuno va per la sua strada e si prende le sue responsabilità. Perché poi sta proprio qui il punto».

Cioè?
«Il sindacato ha il diritto, se non è contento delle decisioni del governo, di convocare i suoi soci e chiedere se vogliono scioperare. Può prendere questa iniziativa. Ma anche il governo ha le sue responsabilità, che non deve cedere ad altri. Ognuno si assume le proprie responsabilità e il governo non ha il diritto ma il dovere di decidere e poi di andare in Parlamento».
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    RISPETTO LE OPINIONI DELL’ EDITORIALISTA SERGIO ROMANO,MA LE CONDIVIDO SOLO IN PARTE.AD ESEMPIO IL FATTO CHE LA CONCERTAZIONE ABBIA CREATO IL DEBITO PUBBLICO MI SEMBRA UNA FRASE ALDILA’ DI OGNI LOGICA.POI ,OVVIAMENTE I SINDACATI SONO SOLO ASSOCIAZIONI CHE RAPPRESENTANO I LORO ISCRITTI(VARI MILIONI DI PERSONE COMUNQUE, PENSIONATI E LAVORATORI,NON PROPRIO UN NUMERO IRRILEVANTE DI CITTADINI).NATURALMENTE IL GOVERNO DEVE ASCOLTARE ANCHE ALTRE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA (CONFINDUSTRIA,CONFCOMMERCIO ECC,)CHE SONO PERO’ ANCHE ESSE RAPPRESENTATIVE SOLTANTO DEI PROPRI ISCRITTI. CERTAMENTE DAVANTI A BERLUSCONI I SINDACATI ERANO PURTROPPO DIVISI,PER QUESTIONI POLITICHE, MA QUESTO NON E’ STATO UN BENE NE PER LE IMPRESE NE’ PER I LAVORATORI.ALDILA’ DEL BERLUSCONISMO,CHE INVOLONTARIAMENTE HA PURTROPPO SPIANATO LA STRADA AL GOVERNO TECNICO,COSA POSSIAMO FARE? NON CREDO CHE ALIMENTANDO LA CONFLITTUALITA’ SOCIALE POSSIAMO USCIRE DALLA CRISI,NE’ DEL RESTO I LAVORATORI DIPENDENTI POSSONO ESSERE GLI UNICI A DOVER AFFRONTARE LA CRISI ED ACCETTARE TUTTO CIO CHE PUO’ ESSERE LORO IMPOSTO.IN QUESTI MOMENTI SERVE SOPRATUTTO LA CONSAPEVOLEZZA DEL FATTO CHE IMPRENDITORI E LAVORATORI SONO SULLA STESSA BARCA E SOLO REMANDO NELLA STESSA DIREZIONE SI PUO’ ANDARE AVANTI.RESPONSABILITA, UNITA’ E SOLIDARIETA’ QUINDI TRA IMPRENDITORI E LAVORATORI. GIUSTAMENTE E’IL GOVERNO CHE DEVE PRENDERE CERTE DECISONI, MA TENENDO PRESENTE IL BENE DI TUTTI I CETI SOCIALI,SENZA VELLEITARISMI IDEOLOGICI DI STAMPO MARXISTA 0 LIBERISTA, GIA’ FALLITI ALTROVE E SENZA DANNOSE TENDENZE CLASSISTE IN UN SENSO O IN ALTRO.ULTIMAMENTE SI PARLA SPESSO MALE DEL MODELLO SOCIALE TEDESCO O RENANO,MA TENIAMO PRESENTE CHE LE AZIENDE TEDESCHE E AUSTRIACHE SONO MEDIAMENTE TRA LE PIU’ FLORIDE AL MONDO E CHE I LAVORATORI DIPENDENTI DI TALI PAESI SONO SOCIALMENTE MOLTO TUTELATI ED HANNO STIPENDI E SALARI SUPERIORI NETTAMENTE AI NOSTRI O QUELLI DI ALTRI PAESI EUROPEI.EPPURE IL SINDACATO TEDESCO NON E’ ARRENDEVOLE MA APPLICA LA CONCERTAZIONE E PROPUGNA LA COGESTIONE, CONSIDERANDO GLI IMPRENDITORI NON COME AVVERSARI MA COME PARTNERS CON CUI TRATTARE E COLLABORARE PER IL BENE COMUNE.QUINDI IL PROBLEMA NON E’ UN’IPOTETICO STRAPOTERE DEI VARI SINDACATI, MA LA MANCANZA DI UN’ ATTEGGIAMENTO COSTRUTTIVO DA PARTE DI TUTTI, E SOPRATTUTTO LA NECESSITA’DI METTERE DA PARTE QUALSIASI VOLONTA’ DI RICREARE CONDIZIONI LAVORATIVE O RAPPORTI DI LAVORO OTTOCENTESCHI,

  2. paolo delfini scrive:

    OVVIAMENTE QUANTO SU ESPOSTO E’ SOLO LA MIA SEMPLICE OPINIONE DI CITTADINO, E PUO’ ESSERE SBAGLIATA RIBADISCO COMUNQUE STIMA E RISPETTO PER SERGIO ROMANO, AUTOREVOLE EDITORIALISTA DI UN’IMPORTANTE QUOTIDIANO COME IL CORRIERE DELLA SERA,CHE FORNISCE SEMPRE OTTIMI SPUNTI PER RIFLETTERE E CHE SEGUO CON ATTENZIONE ED INTERESSE.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana