Google+

Roma, corteo di 5mila dipendenti dei call center

giugno 4, 2014 Chiara Rizzo

Sono 80mila le persone impiegate in questo settore e manifestano per chiedere anche che vengano proibite le gare d’appalto al massimo ribasso

È il settore che tanto al cinema, che nei libri e nella cultura pop è diventato l’emblema della generazione precaria, eppure è anche un settore che oggi occupa oltre 80mila persone che non vogliono lasciarlo: oggi a Roma è in corso una manifestazione degli operatori dei call center, organizzato dalle sigle sindacali Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil per chiedere un miglioramento delle condizioni lavorative, ma soprattutto per chiedere che venga evitata la delocalizzazione, sempre più ricorrente. In questo momento nelle strade della capitale stanno manifestando circa 5mila persone

CONTRO LE GARE AL RIBASSO. Oggi infatti, hanno denunciato i lavoratori in corteo, accade sempre più spesso che le società straniere, con costi più bassi, vengano preferite a quelle italiane e per questo chiedono un rilancio del settore e una regolamentazione, con l’abolizione delle gare al massimo ribasso che frequentemente non coprono poi nemmeno il costo dei salari e di fatto favoriscono il mercato del lavoro in nero. I sindacati hanno denunciato che «A neanche 10 anni dal processo di stabilizzazione che, solo fra il 2007 e il 2008, ha prodotto più di 25mila regolarizzazioni di rapporti di lavoro, il comparto dei call center in outsourcing italiani è nuovamente sull’orlo del baratro. Mentre nel Paese si discute di come creare occupazione stabile, il settore che più di tutti in questi anni ha saputo creare occupazione buona, rivolgendosi principalmente al mondo giovanile rischia oggi di crollare nel silenzio generale della politica e dell’opinione pubblica». “Siamo noi, quelli che vi rispondono italiano siamo noi” intonano intanto i cori dei manifestanti. E una di loro racconta, Anna,lavoratrice di Palermo della società Almaviva, una delle più grandi racconta a Repubblica: «Nessuno da piccolo sceglie di lavorare in un call center. Io e molti altri abbiamo cominciato dieci anni fa come “lavoretto” che poi si è trasformato in un lavoro vero e proprio. Adesso abbiamo quasi quarant’anni e rischiamo il posto di lavoro a causa delle delocalizzazioni e del dumping. Ed è difficile trovare un altro lavoro, soprattutto in alcune realtà come quella della Sicilia in cui di lavoro ce n’è già poco».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana