Google+

Rock Economy, si chiude lo show dei record di Adriano Celentano

ottobre 10, 2012 Paola D'Antuono

La seconda puntata, andata in onda ieri, ha fatto registrare uno share del 32 per cento. Un risultato da brividi per Mediaset e per lo stesso Molleggiato che, grazie a splendide canzoni e duetti malinconici, ha riconquistato il pubblico.

È andata in onda ieri l’ultima parte dello show Rock Economy. In questo momento a Mediaset probabilmente stanno festeggiando con il miglior spumante in circolazione. Già perché Adriano Celentano ha regalato all’azienda, in sofferenza da un po’ e con idee che scarseggiano, uno show che ha tenuto incollati al divano per due giorni consecutivi, una media di nove milioni di spettatori. Anticipato da un promo e una sigla spettacolari, aiutato da una cornice mozzafiato – l’Arena di Verona – coadiuvato da un’orchestra in stile sanremese e ospiti sul palco e tra gli spalti di tutto rispetto – il Molleggiato ha cantato.

POCHI SERMONI E MOLTA MUSICA. A dire la sua Celentano non rinuncia, ma i suoi sermoni così tanto criticati durano meno di una canzone. Sul palco del resto il Molleggiato ci è nato e anche se l’età inizia a farsi sentire (74 anni vi sembrano pochi?), ma la voglia è intatta, la stessa del ragazzo della via Gluck. Il pubblico lo incita e lo applaude, canta a memoria tutto il suo repertorio e sugli spalti si vedono qua e là imitatori con grossi cartelli per il Re degli ignoranti.

MORANDI. La punta massima dello show si tocca con Gianni Morandi, che lo prende in giro per i suoi lapsus (nella prima puntata ha chiamato Sergio Rizzo in un altro modo) e canta e balla con lui, sopperendo magari a quei cali di voce e quelle stecche che durano un po’ per tutta la serata. E quand’è il momento di ricordare Lucio Dalla, Adriano lascia il posto al suo amico, quel ragazzo dalle mani enormi che si emoziona cantando Caruso e ricorda al pubblico che solo pochi mesi prima, sul palco dell’Ariston, c’erano tutti e tre, Dalla, Celentano e Morandi. Sono lì un po’ rallentati, un po’ spaesati, soprattutto Celentano che non stacca mai la visuale dal gobbo, ma quando canta Storia d’amore o Ora sei rimasta sola il pubblico si accende e sembra gridargli “Ancora, ancora!”. Bentornato Celentano e arrivederci al prossimo concerto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download