Google+

Robert Plant e Ben Harper infiammano l’Arena di Milano

luglio 21, 2011 Paola D'Antuono

Grande successo ieri sera per il doppio concerto di Robert Plant e Ben Harper all’Arena civica di Milano. L’ex cantante dei Led Zeppelin si è esibito per primo, con vecchi successi del passato e nuove melodie, ammaliando il pubblico presente. Alle 21 e 45 è la volta di Ben Harper, che ha conquistato gli spettatori a ritmo di rock e chitarra acustica

Milano sempre più capitale della buona musica. Sul palco del Milano Jazzin’Festival, che quest’anno propone un cartellone di assoluta eccellenza, ieri sera ha ospitato Robert Plant e Ben Harper. Il cantante dei Led Zeppelin ha aperto ufficialmente la serata alle 20 circa, con il sole ancora alto e la gente che continua copiosa ad arrivare. L’apertura è da brividi: Plant regala al suo pubblico Black Dog, storico pezzo del gruppo, in una versione più morbida che lascia il pubblico incantato. Sessant’anni suonati e una voglia di stare sul palco che si sente vibrare in ogni acuto, in ogni carezza vocale che concede agli spettatori. Splendidamente accompagnato dalla voce ruggente di Patty Griffin, spalla graffiante e morbida, e dalla Band of Joy, per cui la musica, a qualsiasi livello, non ha segreti. Robert Plant è in forma eccezionale e dedica gran parte della sua scaletta (troppo breve, dicono i fan) ai successi dei Led Zeppelin: What is and what should, Never be, Misty Mountain Hop, Gallows pole, tra le altre, toccando la vetta più alta con Tangerine, in versione ammiccante alla musica country americana, che pare avergli conquistato il cuore.

 

I suoi seguaci sono tutti li, in prima fila, con gilet di pelle, birra, capelli lunghi e l’espressione di chi sta ascoltando live un vero mito e si stupisce della sua vicinanza, può quasi toccarlo. Ci sono papà con figli che cantano in coro e che sperano che Plant canti quella canzone lì, proprio la loro preferita degli Zeppelin. Ma non tutti possono essere accontentati, il sole sta tramontando e per Plant e la sua band è ora di lasciare il palco alla “star” della serata: Ben Harper. Con lui il pubblico s’infiamma, d’improvviso sul prato non c’è più un posto libero, tutti si muovono verso il palco in religioso silenzio: Harper entra e s’inchina, saluta quasi incredulo davanti alla folla che lo applaude. Imbraccia la chitarra e intona Burn one Down, prima di lasciare che tutti cantino una versione leggera e quasi sussurrata di Diamonds on the inside. Poi annuncia che il concerto proseguirà con le canzoni del nuovo album e così è: Harper cambia spesso ritmo, e conseguentemente, chitarra (tra il pubblico partono le scommesse su quante ne cambierà fino a fine concerto). Quando si siede e si scatena con la sua lap steel guitar il pensiero corre veloce a Jimi Hendrix e i due, per un attimo, sembrano terribilmente vicini.

 

Il rock e le melodie si mescolano vorticosamente nell’ora e quaranta minuti di concerto, troppo poca per la verità, che culmina in un momento di assoluta bellezza: Ben interrompe la musica e canta senza microfono, l’arena si ferma e tira il fiato, nessuno parla, nessuno si muove, c’è solo lui e la sua voce, i suoi acuti e le sue finezze. Solo alla fine dell’ultima nota il pubblico gli rende il giusto merito, mentre i brividi sulla pelle stanno andando lentamente via. Harper commosso ringrazia tutti per essere stati in grado di mantenere un religioso silenzio “da club” in uno spazio aperto e affollato. Uno sforzo ampiamente ripagato: è arrivato il momento di andare sulle note di With my own two Hands, accompagnata dai sussurri del pubblico e dalla sua amata chitarra. Un sentito ringraziamento a tutti e all’eroe della musica Robert Plant, con cui purtroppo non c’è stato il tanto desiderato duetto e via dietro le quinte. Il fotografo davanti al palco scatta l’ultima foto, sulla sua maglietta una frase: Jesus loves music. Non potrebbe essere più vero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi