Google+

Rivolte arabe, tutto come previsto. Ora si metta alla prova l’islam di governo

dicembre 12, 2011 Rodolfo Casadei

Per scongiurare il consolidamento di nuovi regimi intolleranti occorre urgere le conseguenze ultime della “primavera”, cioè mettere alla prova le forze islamiste, che finora hanno incarnato l’opposizione clandestina. Anticipiamo l’editoriale che uscirà sul numero 49/2011 di Tempi, in edicola da domani

Il giorno della rivincita degli analisti di questioni islamiche è arrivato. Nove mesi fa erano stati sbertucciati per non aver saputo prevedere la grande ondata della “primavera araba”, la crisi dei sistemi autocratici e una rivoluzione guidata non dagli islamisti, ma da un fronte ampio ed ecumenico di forze sociali e politiche. Oggi che si mettono a bilancio i risultati delle libere elezioni in Tunisia, Marocco ed Egitto, sono vendicate le previsioni di quanti – compreso questo giornale – già da dieci anni andavano dicendo che il voto libero dei cittadini dei paesi del Nordafrica e Medio Oriente avrebbe premiato l’islam politico. Così è stato, e l’unica cosa che ancora si può rimproverare agli esperti è di non aver previsto la portata del successo di una forza più intransigente dei Fratelli Musulmani, e cioè quei salafiti che in Egitto hanno raccolto il voto di quasi un cittadino su quattro.

Di fronte a questa realtà la cosa peggiore che l’Europa e l’Occidente potrebbero fare è di riporre le proprie speranze nelle superstiti capacità di manipolazione dei militari e delle monarchie che ancora detengono il potere nella regione. Fermo restando che le istituzioni prerivoluzionarie hanno ancora una funzione importante da svolgere, l’unico modo per scongiurare il consolidamento di nuovi regimi intolleranti e aggressivi è di urgere le conseguenze ultime della “primavera araba”, cioè mettere alla prova le forze islamiste, che per decenni hanno incarnato l’opposizione clandestina, riconoscendo la loro legittimità a governare.

È una via percorribile perché i tre paesi citati non sono potenze che possono condurre qualsiasi gioco al riparo della rendita petrolifera (come l’Iran o l’Arabia Saudita), ma nazioni che hanno bisogno di un rapporto di intensa cooperazione con l’Europa per rispondere alle esigenze delle loro società.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi