Google+

Rinvio del pareggio di bilancio, Padoan rassicura

aprile 17, 2014 Chiara Rizzo

Polemiche dei capigruppi alla Camera sulla comunicazione del governo all’Ue di ridurre il pareggio 2014 allo 0,2 anziché allo 0,6. Il ministro: «Rinvio necessario per favorire pagamento debiti Pa»

“La commissione prende atto della vostra annunciata deviazione temporanea”: è stata questa la risposta giunta ieri all’Italia, da direttore generale Economia e Finanza della Commissione europea, Marco Buti. Il ministro dell’Economia Padoan per conto del governo gli aveva scritto al mattino comunicando l’intenzione dell’Italia di rinviare il pareggio di bilancio dal 2014 al 2016 per “circostanze eccezionali”, ovvero la crisi, condizione prevista dal Patto di stabilità appunto per “deviare temporaneamente dagli obiettivi di bilancio”. Sostanzialmente per quest’anno il pareggio di bilancio italiano sarà dello 0,2 per cento, anziché dello 0,6 per cento come chiesto da Bruxelles. Padoan al Senato stamattina ha spiegato: «Il rinvio si giustifica per favorire il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione».

SCONTRO A MONTECITORIO. Le due missive sono state pubblicate ieri sul sito del Tesoro, e hanno causato un duro scontro durante la conferenza dei capigruppo che si teneva a Montecitorio, in vista dell’arrivo oggi in aula proprio del Documento di economia e finanza (Def). Il capogruppo di Forza Italia, durante il vertice con il presidente della Camera Laura Boldrini, ha parlato di «colpo di mano» del governo sul Def e ha «stigmatizzato il comportamento della presidente Boldrini» perché non ha costretto il governo a rendere pubbliche le missive prima della calendarizzazione. Per Brunetta si è trattato di «Una violenza perpretata non sulla minoranza, ma sulla legge e sulla costituzione, un colpo di maggioranza suffragato dalla presidente Boldrini». Le posizioni di Brunetta sono state condivise anche da una parte della maggioranza. Per il capogruppo di Scelta civica Andrea Romano il collega di Fi «ha posto delle questioni politiche anche condivisibili». Dopo che Boldrini è arrivata a sospendere la conferenza dei capigruppo, comunque alla ripresa dei lavori si è raggiunto l’accordo di far arrivare il Def in Aula oggi.

PADOAN AL SENATO MINIMIZZA. Il ministro Padoan stamattina parlando al Senato ha motivato il rinvio del pareggio di Bilancio: «Nonostante i segnali di ripresa dell’anno in corso, anche nel 2014 il gap rimarrà molto negativo, la ripresa economica ancora fragile e la situazione del mercato del lavoro rimane ancora difficile». Quanto alle polemiche di ieri, Padoan ha cercato di smorzare i toni spiegando che si tratta di «una tempesta in un bicchiere d’acqua». Infatti, ha assicurato, «Le misure correttive per i prossimi anni, e il piano di dismissioni, assicurano già dal prossimo anno il rapido rientro del maggior rapporto debito/Pil, conseguente all’ulteriore pagamento dei debiti pregressi», dunque «Il profilo programmatico del rapporto debito/Pil rispetta così la regola del percorso di convergenza del debito verso il parametro europeo del 60 per cento già nel 2015». Inoltre, secondo Padoan, «Nel 2015 il disavanzo strutturale ricomincerebbe a diminuire di 0,5 punti percentuali grazie ad una manovra di consolidamento finanziata da riduzione di spesa, pari a 0,3 punti percentuali di Pil sull’avanzo primario». Padoan ha spiegato che il rinvio del pareggio si è reso necessario anche perché «Nonostante i segnali di ripresa dell’anno in corso, anche nel 2014 il gap rimarrà molto negativo, la ripresa economica ancora fragile e la situazione del mercato del lavoro rimane ancora difficile»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.