Google+

Riforma Senato, salta l’ipotesi di intesa per l’ostruzionismo di Sel

luglio 29, 2014 Chiara Rizzo

Dopo due conferenze dei capigruppo, Sel ha comunicato di ritenere «irricevibili» le proposte del governo, e insieme a Lega e M5S non ritirerà nessun dei propri emendamenti perché il Pd «è inchiodato al Patto del Nazareno»

Lotta dura e spietata, a base di oltre 7.800 emendamenti, al Senato sulla riforma costituzionale. È questo l’esito della conferenza dei capigruppo che si è riunita due volte intorno all’ora di pranzo, dopo la proposta avanzata dal senatore Vannino Chiti, uno dei “leader” dei “frondisti” del Pd, che aveva chiesto di ridurre gli emendamenti e focalizzare la discussione, attraverso gli interventi dei vari capigruppo, per “tematiche”, in modo da procedere più celermente.

CHIUSURA TOTALE DI SEL. Decisivo è stato oggi il no di Sel. Stamattina, dopo l’intervento di Chiti, le parole della capogruppo Loredana De Petris («amplissima disponibilità a patto che il Senato sia capace di giungere ad una mediazione alta», che poi tradotto in parole povere significava superare «il convitato di pietra», ovvero il “Patto del nazareno”) avevano lasciato un certo ottimismo. La maggiorparte dei 7.837 emendamenti è infatti a firma di Sel, e se questa li avesse ritirati il “gioco” sembrava fatto.

«IRRICEVIBILI PROPOSTE DEL PD». Invece poco dopo la conferenza dei capigruppo Sel ha ufficialmente comunicato di ritenere «irricevibili» le proposte del governo Renzi, che ha continuato ad accusare di essere «inchiodato» al patto del Nazareno. Il presidente del Senato Piero Grasso ha provato nel corso della conferenza a proporre varie soluzioni di “mediazione”, compresa quella di sospendere momentaneamente la discussione sugli articoli più problematici, quelli che riguardano la composizione e l’eleggibilità del nuovo Senato. «Tutti i tentativi di mediazione e sospensione sono stati vani. Io ritengo di avere fatto tutto il possibile per favorire al massimo tutte le soluzioni possibili ma prendo atto con rammarico che si devono riprendere le votazioni» ha poi spiegato Grasso.

COSA SUCCEDE ORA. Il no di Sel si è semplicemente sommato a quello già espresso in aula di M5S e Lega. Ora riprenderà quindi l’esame, emendamento per emendamento, e a partire dall’articolo 1, del ddl costituzionale. Grasso ha minacciato che «Non tollererò altra gazzarra». Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi in Aula e prima che saltasse la possibilità di un accordo aveva dato la disponibilità del governo ad un confronto: «Siamo pronti ad affrontare i punti di discussione, ma non possiamo sottostare a un ricatto ostruzionista. Ovunque in democrazia è la maggioranza che decide. E sarà così anche questa volta».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana