Google+

Riforma Senato, esame in Aula lunedì

luglio 10, 2014 Chiara Rizzo

Il nodo degli “scontri” è sull’eleggibilità dei nuovi senatori delle autonomie. Pd e Fi sono d’accordo, M5S e Sel si oppongono e Ncd e Lega esprimono perplessità. Calderoli: «Il testo così com’è non va, se ne discuterà in Aula»

Il ministro Boschi con i relatori del ddl costituzionale in Senato, Calderoli (Lega) e Finocchiaro (Pd)

Il nodo sull’eleggibilità dei senatori nel nuovo Senato delle autonomie mette uno stop al percorso della riforma: l’articolo numero 2 del disegno di legge costituzionale presentato dal ministro per i Rapporti con il parlamento Maria Elena Boschi prevedeva nelle intenzioni dell’esecutivo un senato non elettivo, ma composto da sindaci e presidenti di Regione o di province autonome, e il governo vorrebbe che fosse approvato entro oggi in commissione Riforme costituzionali a Palazzo Madama, per poi andare all’esame dell’Aula. Ma Nuovo centro destra e Lega esprimono perplessità, mentre continua l’opposizione netta di Movimento 5 stelle e Sel.

CALDEROLI: «COSI NON VA. LUNEDI SE NE DISCUTE IN AULA». Boschi ha assicurato: «Il voto sull’articolo 2, che riguarda la composizione del Senato, si voterà già oggi in commissione, poi sarà ripreso in aula». Attualmente il testo dell’articolo è quello dell’emendamento dalla relatrice Anna Finocchiaro (Pd) e prevede un’attribuzione dei seggi in modo proporzionale, tenendo conto della popolazione e della composizione dei consigli regionali. Forza Italia è d’accordo con il Pd su questo testo, ma Roberto Calderoli (Lega), correlatore della riforma, oggi ha spiegato: «Così non va, non c’è accordo. A questo punto andiamo in Aula lunedì e lì scioglieremo i nodi». Calderoli ha spiegato ai giornalisti che il testo «così com’è significa che si sa già in partenza quanti senatori spettano a ciascun gruppo, e che quindi il voto dei consiglieri regionali perde di peso. Se aggiungiamo che la norma transitoria stabilisce che i senatori verranno eletti dai consigli regionali sulla base di listini bloccati, capiamo che i futuri senatori li sceglieranno i capigruppo e non verranno eletti dai consiglieri regionali. Questo testo in Commissione non ha la maggioranza e non passa. Per questo dico che si andrà in Aula e lì si scioglieranno i nodi». Calderoli, che è correlatore del testo e degli emendamenti prodotti in commissione, insieme a Finocchiaro, ha infatti ritirato la propria firma dal testo dell’articolo 2.

LO SLITTAMENTO DEL VOTO IN COMMISSIONE. La commissione Affari costituzionali, contrariamente ai programmi iniziali, ha sospeso i lavori e li ha ripresi a partire dalle 15. Il voto in commissione è quindi slittato alle 17.30, con la conseguenza che il testo arriverà in Aula solo lunedì mattina.

ROMANI (FI): «STIAMO ASCOLTANDO FAVOLE». È stato molto critico sul rallentamento dei lavori anche Paolo Romani, capogruppo di Fi in Senato: «L’ostruzionismo del Movimento 5 Stelle e di Sel sta rallentando i lavori. Stiamo ascoltando favole di Andersen e altre amenità. I lavori procedono molto lentamente».

GRILLO: «PATTO NAZARENO SALVACONDOTTO PER B.». Polemico l’attacco di Beppe Grillo dal suo blog: «Il Patto del Nazareno è un salvancondotto per il culo di Berlusconi, che in cambio garantisce il suo appoggio al governo e al disegno controriformista di Napolitano».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana