Google+

Riforma Senato, Chiti (Pd): «Riduciamo gli emendamenti e confrontiamoci per temi»

luglio 29, 2014 Chiara Rizzo

Il senatore leader dei “dissidenti” Pd, dopo la lettera di Renzi, apre con una proposta che accelererebbe il voto in Aula. Favorevoli Pd, Fi, Ncd e Sel. La Lega tentenna. M5S: «Non ritiriamo nessuno dei nostri 200 emendamenti»

«Presento una proposta condivisa con i colleghi che sostengono la maggioranza. Ridurre gli emendamenti e concentrare il confronto sulla riforma attorno a grandi temi» la dichiarazione è stata appena avanzata a Palazzo Madama, dopo l’ostracismo in aula della settimana scorsa delle opposizioni e di alcuni “frondisti”, proprio dal capofila dei “dissidenti” Pd, Vannino Chiti. Che a sorpresa apre alla richiesta del premier Renzi di accelerare il percorso delle riforme: Chiti chiede di concentrare la discussione per «votare entro agosto alcune decine di emendamenti fondamentali. Poi la prima settimana di settembre le dichiarazioni e il voto finale».

BASTA MURO CONTRO MURO. Ieri il premier aveva inviato una lettera a tutti i senatori, per chiedere un gesto di responsabilità sul percorso delle riforme costituzionali. L’apertura di Chiti ha creato un positivo stupore tra le fila del Pd, in particolare mentre il senatore “dissidente” ha sottolineato che “La mia proposta muove dalla preoccupazione che le riforme costituzionali non si realizzano in un clima dai tono così esasperati, da muro contro muro, che non è accettabile e che fa smarrire le ragioni degli uni e degli altri. E c’è la condivisione di questa proposta con i senatori che sostengono la maggioranza di governo, quantomeno”.

ZANDA: «A SETTEMBRE VA BENE». La prima reazione del capogruppo del Pd Luigi Zanda alla nuova linea dei “dissidenti” interni è stata di totale distensione, con toni da padre che festeggi il rientro del figliol prodigo: «Sono d’accordo. Accolgo con rispetto le indicazioni del senatore Chiti perchè le votazioni terminino comunque entro l’8 agosto. Questo è possibile, poi se le dichiarazioni di voto dovessero andare ai primi di settembre, non lo considererei un elemento traumatico».

IL M5S DICE NO. Il capogruppo dei pentastellati al Senato, Vito Petrocelli, invece ha risposto chiudendo ogni spiraglio di dialogo: «Noi non ritiriamo nessuno dei 200 emendamenti che abbiamo presentato».

FI: «BUON VIATICO PER RASSERENARE IL CLIMA». Per il senatore di Fi Donato Bruno, la proposta di Chiti è invece «un buon viatico per rasserenare il clima», anche se «’Non tutto quello che propone Chiti potrà essere accolto, perchè il patto del Nazareno rappresenta un riferimento che non possiamo nè dobbiamo scalfire».

NCD: «DISPONIBILI, SE TUTTI DANNO CONSENSO». Il capogruppo di Ncd Maurizio Sacconi ha voluto sottolineare la positività della proposta Chiti e mettere dei paletti: «Questa proposta ha senso se si riscontra un largo consenso. Siamo disponibili a quanto consenta di raggiungere l’obiettivo di fare presto e fare bene».

LEGA: «IL GOVERNO DIA GARANZIE». Per il carroccio ha replicato a Chiti il senatore Gian Marco Centinaio: «Sono settimane che abbiamo posto sul tavolo del governo le nostre proposte sui contenuti, alle quali l’esecutivo non ha dato risposte. Siamo a un bivio? Bene, ma prima di andare in una direzione vogliamo risposte serie e concrete dal governo o arrivederci e grazie, disdico le ferie e non vado in vacanza. Non c’è proprio da cantare vittoria da parte di Renzi». Poi ha aggiunto, riferendosi alle parole del collega di Fi: «Mi ha fatto paura un passaggio dell’intervento del senatore Bruno di Forza Italia che ha detto che il patto del Nazareno non si scalfisce. Mettiamo allora tutto sul tavolo e poi si va avanti. Vogliamo vedere a questo punto tutto, con trasparenza».

SEL: «SI’, A PATTO DI DIBATTITO ALTO E LIBERO». Consenso totale alla proposta Chiti è giunto invece da Sel, con la capogruppo Loredana De Petris che chiede però «un dibattito vero, serio, alto e libero, non condizionato dal patto del Nazareno, che è il convitato di pietra. Il patto lo devono fare tutti in Aula, liberamente, ci sia un confronto libero nel merito delle questioni. Il punto non è avere una settimana in più o in meno, ma che si arrivi ad una mediazione alta». L’apertura di Sel è importante dal momento che la maggioranza dei 7.800 emendamenti alla riforma del Senato sono stati presentati proprio da Sel. Forse già a partire da oggi è previsto comunque un nuovo incontro tra Renzi e il leader di Fi Silvio Berlusconi proprio per ridiscutere il “patto del Nazareno” alla luce delle nuove proposte messe sul tavolo dalle altre forze politiche.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.