Google+

Riforma Senato, bagarre per il “Canguro”. La giunta stabilisce che è legittimo

luglio 30, 2014 Chiara Rizzo

Il presidente Grasso ha applicato il “raggruppamento” automatico degli emendamenti simili o uguali, e ieri ha permesso di cancellarne 1.400 in una sola votazione. Le opposizioni sono insorte

Gli italiani stanno imparando a conoscere un nuovo gergo della lingua, il “senatese”, ovvero quello in uso a Palazzo Madama. Dopo il lemma “ghigliottina”, che avrebbe aria da post rivoluzione francese (e invece significa solo che se non si fa in fretta a votare gli emendamenti ad un decreto legge, entro una certa ora e giorno precisi si passa al voto punto e basta), si è passati ad atmosfere più di “caccia”, con la parola “tagliola” (a ciascun gruppo viene assegnato un tempo per esporre le proprie idee e i propri emendamenti, dopo di che non si può più parlare).

ARRIVA IL CANGURO. Da qualche giorno il vocabolario si è arricchito di una parola dal sapore più “australe”. Il canguro indica la prassi di raccogliere gli emendamenti, quando sono troppi, per argomenti analoghi o quando addirittura sono uguali: se ne vota uno solo, se passa passano tutti, altrimenti sono tutti bocciati. Il “canguro” va particolarmente forte da ieri: il presidente Piero Grasso con questo sistema è riuscito a sbarazzare il campo da 1.400 emendamenti su 7.800, al “costo” del voto di uno solo.

LA GIUNTA: “USO CANGURO LEGITTIMO”. La prassi voluta da Grasso non è nuova, né è la prima volta che la si è usata. Di fronte all’estremo male del mancato accordo e del rifiuto di ogni dialogo con il governo da parte delle opposizioni, e soprattutto di fronte a 7.800 emendamenti di cui in un giorno di lavoro erano stati votati solo 4, Grasso è passato all’estremo rimedio del canguro. Vedendosi cancellare quelle migliaia di emendamenti, le opposizioni stamattina sono salite sulle “barricate”, chiedendo di fermare i lavori e che la giunta per il regolamento potesse riunirsi per controllare che tutto fosse corretto. La sospensione sarebbe dovuta durare poco, al massimo un’ora, invece è durata fino alle 15. Alla fine della riunione di giunta, il senatore Francesco Russo del Pd ha annunciato che l’uso del canguro è stato ritenuto legittimo. La giunta lo ha deciso con 10 voti a favore e 4 contrari, e quindi si andrà avanti ad usarlo, con buona pace di M5S, Sel e Lega (che avevano votato ovviamente contro).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana