Google+

Riforma elettorale, incontro Pd-M5S. Di Maio: «Occasione persa, ma non faremo saltare il tavolo»

luglio 7, 2014 Chiara Rizzo

Il vicepresidente della Camera: «Da ora in poi parleremo solo con Renzi, nel Pd gli altri non sono affidabili». La replica di Guerini: «M5S chiarisca sue intenzioni su riforma». Stasera l’assemblea del partito sulla divisione con la minoranza dem

Continua il botta e risposta tra Pd e Movimento 5 stelle, dopo la notizia che oggi è saltato l’incontro previsto alla Camera per discutere della legge elettorale. Il primo a parlare dopo la notizia, tra i grillini, è stato il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, che pure stamattina aveva dato per certo l’appuntamento: «Da ora in poi parleremo solo con Renzi, nel Pd gli altri non sono affidabili, siamo esterrefatti» ha commentato ai giornalisti.

«OCCASIONE PERSA, MOLTA CONFUSIONE NEL PD». Di Maio ha quindi aggiunto: «Quello che a noi dispiace è prima di tutto il fatto che si è persa un’occasione oggi, per gli italiani, per arrivare a punto concreto. Noi abbiamo le idee molto chiare, ma vediamo dall’altra parte molta confusione».

«NON VOGLIAMO FAR SALTARE IL TAVOLO». Tuttavia Di Maio ha voluto anche sottolineare che l’intenzione del M5s non è chiudere al dialogo adesso: «Ora aspettiamo quali sono le reazioni dall’altra parte», dice Di Maio, «non c’è nessuna volontà di far saltare questo tavolo. Il nostro è stato un weekend di lavoro per cercare di mettere a punto le nostre proposte». Al centro dello “scontro” con il Pd c’è la riforma del Senato che non sarebbe più elettivo, mentre per il M5S «i cittadini devono poter scegliere e noi vogliamo dal Pd una risposta chiara su questo».

GUERINI: «NEANCHE IL PD VUOLE CHIUDERE». Dall’altro fronte ha risposto a Di Maio il vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini: «Neanche il Pd intende far saltare il tavolo, consapevole del fatto che l’urgenza delle riforme chiama tutti a lavorare con impegno e tempestività, confrontandoci con tutti. Ho l’impressione che Di Maio scambi la logistica con la politica. Nei giorni scorsi più volte abbiamo chiesto al M5s di esplicitare la sua posizione rispetto ai dieci punti proposti, pubblicamente, sulla legge elettorale e sulle riforme». Tuttavia Guerini ha spiegato che a suo avviso «Ciò che è importante – è che il confronto non si esaurisca e da questo punto di vista è chiaro che neanche il Pd intende far saltare il tavolo, consapevole del fatto che l’urgenza delle riforme chiama tutti a lavorare con impegno e tempestività, confrontandoci con tutti».

LA SPACCATURA NEL CENTROSINISTRA. Guerini non ne ha parlato esplicitamente, ma è stato evidente che il suo partito è molto spaventato da una divisione – avallata dalla posizione del M5S favorevole al Senato elettivo – con la minoranza dem, autrice dell’emendamento Chiti che appunto va nella direzione opposta a quella proposta da Renzi, di un Senato delle autonomie composto da sindaci e governatori. A favore di una nuova discussione interna al gruppo sul nodo “Senato” (per altro già affrontata più volte sia in segreteria che nelle assemblee parlamentari) si è schierato anche il leader di Sinistradem, Gianni Cuperlo. Stasera è prevista un’assemblea del gruppo parlamentare a cui parteciperà anche Matteo Renzi, che secondo La Stampa, ha intenzione di lanciare una sfida precisa alla minoranza dem «Siamo ad un bivio, adesso ognuno deve assumersi la responsabilità delle proprie azioni».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Manuela scrive:

    Io non credo che il Pd voglia far saltare il tavolo con Grillo credo pero’ che le cose debbano essere ponderate.Il Pd deve prima trovare al suo interno una linea comune altrimenti e’inutile parlare con altri.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana