Google+

Riforma del Senato, sì all’immunità parlamentari

luglio 1, 2014 Chiara Rizzo

In commissione Affari costituzionali è stato votato l’emendamento che ripristina l’autorizzazione all’arresto e alle intercettazioni anche per i futuri senatori. Sì da maggioranza, Fi e Lega. No da Sel e da M5S

Continua in commissione Affari costituzionali l’esame di emendamenti e subemendamenti alla riforma che introduce il Senato delle autonomie, non elettivo, e abolisce di fatto il bicameralismo perfetto: il testo è atteso in aula a Palazzo Madama per il voto giovedì 3 luglio. Oggi la commissione, con una maggioranza trasversale formata da Pd, Ncd e Sc ma anche da Forza Italia e Lega, ha votato favorevolmente l’emendamento a firma Calderoli-Finocchiaro per l’immunità parlamentare anche ai nuovi senatori delle autonomie.

GOVERNO FAVOREVOLE. Il voto ha visto contrari dunque solo Movimento 5 stelle, ex grillini e Sel. Con questo emendamento i due relatori della legge al Senato, Anna Finocchiaro e Roberto Calderoli, propongono di annullare la parte della legge proposta inizialmente dal governo che abrogava l’autorizzazione all’arresto e alle intercettazioni dei futuri senatori. L’emendamento passato in commissione, invece, ripristinerebbe l’attuale articolo 68 della Costituzione che appunto prevede le “immunità parlamentari”. Attraverso il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi il governo «ha dato parere favorevole» a quest’emendamento votato.

SENATO ELETTIVO. Ora resta ancora aperto il nodo sull’eleggibilità o meno dei futuri senatori, con un emendamento presentato dalla minoranza dem che va in direzione contraria alla linea della maggioranza e dell’esecutivo: è l’emendamento Chiti-Mauro, che vedrebbe il voto favorevole di 36 senatori. Oggi anche il senatore Antonio Azzolini di Ncd ha annunciato di aver presentato un proprio emendamento per un senato elettivo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana