Google+

Sulla riforma della Costituzione non basta un tranquillo “no” emotivo

ottobre 20, 2016 Emanuele Boffi

Le nostre obiezioni alla legge Boschi non sono l’immobilismo di Zagrebelsky e Travaglio. Al referendum di dicembre si può dire “non solo no”. Un incontro con Parisi a Milano per discuterne

renzi-zagrebelsky-mentana-riforma-costituzione-referendum-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Matteo Renzi, che è sempre il più svelto, ci ha messo meno di un amen a capire che in tv gli sparring partner migliori sono Marco Travaglio e Gustavo Zagrebelsky. Basta così poco per farli apparire come il “vecchio”, l’emblema dell’immobilismo e dello status quo: sono personalità che convincono solo una parte del paese, quella della bocciofila bersaniana, della Costituzione intesa come Corano intangibile, del grillismo che interpreta ogni tentativo di cambiamento come un complotto di qualche arcana lobby.

Questo, per chi ha ragioni di merito e non ideologiche per motivare il proprio “no” non a una riforma costituzionale – che, ripetiamo, va fatta – ma a “questa” riforma, diventa, oggettivamente, un problema. Se le ragioni per dire “no” al referendum di dicembre hanno il volto e le parole dei soloni di Libertà e giustizia, dei manettari del Fatto e dei ghostbuster delle scie chimiche, scusate, ma tentenniamo pure noi.

Da qualche settimana, su questo giornale, Alfredo Mantovano ha iniziato a sezionare il testo Boschi sottoposto a referendum. Certo, rispetto agli slogan che promettono esiti catastrofici o paradisiaci a seconda del sì o del no – e, dunque, ci permettono un tranquillo voto emotivo – qui si tratta di capire i chiaroscuri, ciò che va e ciò che non va, e poi giungere a un giudizio.

Come abbiamo già scritto, quel che non ci convince è la direzione di questa riforma che va verso un’accentramento dei poteri nelle mani dello Stato, liquidando senza remore federalismo e sussidiarietà. Tuttavia siamo convinti che non basti dire “no”, occorre formulare una proposta alternativa.

Una bella occasione per discutere di queste cose sarà l’incontro pubblico “Referendum costituzionale: non solo no” organizzato per martedì 25 ottobre a Milano dall’associazione Esserci. Interverranno Stefano Parisi e Michele Rosboch.

referendum-costituzione-incontro-parisi-rosboch-milano-esserci

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana