Google+

La ridicola idea dell’Università di Genova che vuole introdurre il libretto per trans

maggio 16, 2015 Federico e Jacopo

Due giovani giuristi scrivono una lettera all’ateneo che vuole riconoscere il concetto di “identità di genere”, anche se questo non esiste nel nostro ordinamento

trans-bambini-chicagoIl 14 maggio sulla pagina Facebook dell’Università di Genova è apparso il seguente messaggio: «Pari opportunità: Venerdì 22 maggio, alle ore 15, nell’Aula Magna del Palazzo dell’Università (via Balbi 5) si terrà un convegno su “Il doppio libretto universitario. Riconoscimento delle identità di genere e percorsi di transizione”, organizzato dal Comitato per le pari opportunità. Questo consentirà alle studentesse e agli studenti in transizione di genere di ottenere, prima dell’eventuale emanazione della sentenza di rettifica di attribuzione di sesso, il rilascio di un libretto elettronico sostitutivo, recante il nome d’elezione corrispondente alla identità di genere del/della richiedente».
Due giovani giuristi, che ci hanno chiesto l’anonimato almeno per quanto riguarda il cognome, hanno scritto una lettera aperta ai rappresentanti dell’ateneo, che di seguito pubblichiamo.

La presente con riferimento all’evento organizzato per venerdì 22 maggio ore 15:00 nell’Aula Magna del Palazzo dell’Università, in via Balbi n. 5. Al di là degli opinabili contenuti di merito, da un punto di vista prettamente giuridico si osserva quanto segue:

Il concetto di “identità di genere” non è allo stato contemplato da alcun atto normativo nel nostro ordinamento. Tale concetto, basato su aspetti prettamente soggestivistici ed interni, a differenza del sesso biologico, sfugge ad ogni qualificazione giuridica per ragioni di certezza del diritto. Dare rilevanza ad un tale concetto, in assenza di previsioni normative positive, significa di fatto ignorare che la volontà del Legislatore, che ha stabilito che, sino ad oggi, l’identità di genere non debba essere rivestita di rilevanza giuridica.

Inoltre, il riconoscimento da parte della pubblica Università in indirizzo della possibilità agli studenti “in transizione di genere” di ottenere un effetto anticipatorio della sentenza giudiziale, significa di fatto aggirare la competente sede giuridisdizionale. Tale atto, infatti, assume un valore costitutivo dell’avvenuto cambiamento di sesso, e in assenza della pronuncia dei competenti organi, nessuna rilevanza può essere garantita alla mera “volontà” individuale. Assicurare un effetto anticipatorio, anche se ai soli effetti del caso, equivarrebbe ad arrogarsi il diritto di sostituirsi alla competente giurisdizione.

Tutto ciò potrebbe quindi configurarsi come un’iniziativa praeter legem, non del tutto rispettosa dell’attuale normativa vigente, essendo lo spettabile Ateneo parte del sistema d’istruzione dello Stato.

Con preghiera di divulgare il presente messaggio, anche dandone lettura nel corso dell’evento, al fine di instaurare un sano contraddittorio in merito alle questioni giuridiche trattate, si porgono i più cordiali saluti,

Federico, Jacopo, e altri giuristi di buon senso


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

21 Commenti

  1. Cisco scrive:

    Alle lobby LGBTetc non interessa il rispetto della legge, ma solo forzature ideologiche per attuare la rivoluzione culturale del gender: l’identità e’ mia e me la gestisco io. Cioè il contrario di ciò che un sistema giuridico deve fare: regolare situazioni oggettive, non percezioni soggettive.

  2. Yoyo scrive:

    Questi episodi fanno più male alla comunità omosessuale delle violenze dei criminali.

  3. michele scrive:

    Un grosso plauso a Federico, Jacopo e a tutti gli altri firmatari della lettera, però cribbio, almeno da giuristi non facciamo errori gravi come quelli presenti in questa frase “Dare rilevanza ad un tale concetto, in assenza di previsioni normative positive, significa di fatto ignorare che la volontà del Legislatore, che ha stabilito che, sino ad oggi, l’identità di genere non debba essere rivestita di rilevanza giuridica.”
    a) Tutto ciò che non è espressamente vietato è permesso (si dovrebbe conoscere la lacuna)
    b) il legislatore, proprio sull’identità di genere e cambio sesso ha previsto una legge, la 164 del 1982
    c) proprio a seguito e all’interpretabilità di detta legge è stata emessa una sentenza dal Tribunale di Messina nel novembre del 2014 volta proprio a tutelare l’identità di genere, in quanto il Magistrato (sicuramente comunista e ostaggio delle lobby gay), ha consentito il cambio di sesso anche in assenza dell’intervento demolitivo-ricostruttivo degli organi genitali. Dobbiamo anche rivolgerci alle univerità di Trento, Bologna, Urbino, Padova e Verona dove già questo scempio esiste addirittura dal 2013 (sigh…che mondo)

    • Michele2 scrive:

      b) La legge 164 non fa alcuno riferimento all’identità di genere, anzi parla proprio di “intervenute modificazioni dei suoi caratteri sessuali”.
      c) Un tribunale (per quanto, più che ostaggio, zelante e convinto esecutore della volontà gay) non è il legislatore. Per le altre università succitate ci avranno pensato i relativi docenti, non crede?

      • Cisco scrive:

        @Michele

        Premesso che sugli interventi demolitivi degli organi genitali (in particolare quelli maschili a forma sferica) hai ampiamente sopperito al Legislatore, vorrei sommessamente farti presente che anche un dilettante del diritto come me conosce la differenza tra atto normativo e sentenza di un tribunale. La legge 164 del 1982 – che prima citi in un senso e poi in un altro (forse si tratta di un disturbo dell’identità giuridica) – non fa appunto alcun riferimento all’identità di genere. L’unica identità che esiste è quella sessuale: maschietti col grembiulino blu e femminucce col grembiulino rosa. Per l’orrore di tutte le femministe e del mondo arcobaleno in crisi d’identità.

    • Q.B. scrive:

      Le sentenze dei giudici oramai valgono quanto i vaticini del maggio Otelma.

      Recentemente proprio un giudice ha mandato libero dal rimpatrio un albanese sull’assunto che é un paese membro dell’Unione Europea.

      Lo sbraco totale e il crollo della cultura anche giuridica oggi rendono possibile questo e ben altri scempi.

      E confermo che si, é uno schifo..

      • Q.B. scrive:

        … sull’assunto che l’Albania è un paese membro dell’unione europea… e naturalmente il divino Otelma è un mago, non un maggio,

  4. marco53 scrive:

    ma non ci son problemi più seri per chi fa l’università e deve iniziare a lavorare? fanno ridere!

    • Frank scrive:

      In realtà la domanda sarebbe: ma perché mai dovrebbe interessare a voi del genere scritto sul libretto universitario di un’altra persona?

      • yoyo scrive:

        Infatti ci interessa che con una operazione del genere si insulti la natura, non cosa il singolo dichiara. Della vita privata del omosessuale non ci interessa proprio nulla, perché dovrebbero imporci di conoscerla in quel modo?

        • 666 scrive:

          Forse perché gli omosessuali sono persone come tutte le altre e hanno diritto ad essere se stesse come le altre e non a nascondere la propria identità?

          • Q.B. scrive:

            Mo’ me scappa a lacrimuccia, me scappa. Poveri omosessualucci belli di mamma loro che non hanno diritto a essere se stessi e intanto ci frantumano i pendenti sia i giorni pari che quelli dispari.
            Ma che dei vostri piagnistei la gente è arrivata al punto ne ha piene le sporte non ve lo aveva detto ancora nessuno?

  5. giovanna scrive:

    E impareremo il rispetto da uno che si presenta in un sito cattolico con il numero del diavolo come nick !
    Chiaramente, me ne impipo, giusto per evidenziare da che pulpito viene l’accusa di violenza e insulti !
    Poi, ho capito bene o tu vorresti che sui tuoi documenti ci fosse scritto “omosessuale ” ??
    Mah !

  6. Q.B. scrive:

    L’omofobia (qualsiasi cosa voglia dire), i poveri gay perseguitati, l’oms, le famiglie arcobaleno, i nuovi diritti, loveislove, i panini omofobi, le nozze (uahuahuah) tra maschi, i preti pedofili (ehm sarebbe giusto dire pederasti, cioè omo), la violenza verbale … si direi che c’è tutto. Se hai qualcosa di nuovo da proporre facci sapere che lo valuteremo ma gli s-ragionamenti da attivista lgbkjh qui non se li fila più nessuno. Hai avuto la tua possibilità, ora puoi cambiare aria.

    A un certo punto anche a noi è lecitamente consentito scrollarci di dosso la polvere dei sandali.

    Come dice giovanna, lezioni di rispetto da personalità della tua risma non ne prendo, e rispetto per un certo modo di porsi non ne avrò mai. Passo e chiudo.

  7. 666 scrive:

    Se non ti piace l’uso del numero del diavolo, magari va meglio befana o babbo Natale, tanto sono tutti di fantasia, diavolo compreso. Che differenza c’è tra un nome di fantasia e un nome qualsiasi tra i piú comuni come Mario o Maria Rossi?
    Non mi dirai che credi ancora al diavolo?!?

  8. yoyo scrive:

    Siete la dimostrazione che esiste.

  9. giovanna scrive:

    Io ho solo notato la faccia tosta di uno che piagnucola di rispetto e si presenta in casa d’altri con un nick che presume possa dar fastidio.
    Tra l’altro un giochetto stra-usato da altri gay di notevole spessore umano come te !
    Come se mi presentassi in un sito gay con il nick….oppure…….dai che ci arrivi !
    A forza di fare i finti tonti, ci diventate davvero !

  10. 666 scrive:

    Sai cosa ti dico? Se non sei neppure capace di dimostrare un minimo di autoironia rispetto al credere all’esistenza del diavolo, fatti passare il fastidio!

  11. Giannino Stoppani scrive:

    Farsi passare il fastidio dell’esistenza del diavolo e degli entusiasti di essere suoi servi sciocchi è un’occupazione assai onerosa per il cristiano, che però, se tutto va bene, riguarda solo la sua vita terrena.
    I servi sciocchi di cui sopra, per esser stati tali provano pena più gravosa assai di un banale fastidio, sia per intensità che, soprattutto, per durata.

  12. giovanna scrive:

    Caro diavoletto, a parte il fatto che non ho assolutamente intenzione di mettermi a discutere con te sull’esistenza del diavolo, dato che tempo da buttare non ne ho, confermi in pieno il tuo intento, comunque fallito, di mancare di rispetto .
    Non che ce ne fosse bisogno, magari potevi chiedere scusa per la tua cafonaggine, raddoppiata dal fare il piagnucoloso su presunte mancanze di rispetto altrui.
    Certo, chiedere scusa per un multi-nick della tua specie…….pura utopia !

  13. giovanna scrive:

    Caro diavoletto, a parte il fatto che non ho assolutamente voglia di mettermi a discutere con te sull’esistenza del diavolo, dato che tempo da buttare non ne ho, e il tempo passa e la morte si avvicina, confermi in pieno il tuo intento, comunque fallito, di mancare di rispetto .
    Non che ce ne fosse bisogno, magari potevi chiedere scusa per la tua cafonaggine, raddoppiata dal fare il piagnucoloso su presunte mancanze di rispetto altrui.
    Certo, chiedere scusa per un multi-nick della tua specie…….pura utopia !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana