Google+

Originale, cruento, da non perdere. È “Revenant” con Di Caprio

gennaio 19, 2016 Simone Fortunato

Nelle terre selvagge e freddissime americane, la vita dura di un gruppo di cacciatori di pellicce.

the-revenant

Gran film, estremo e selvaggio, diretto in modo suggestivo da Iñárritu che tira fuori un film alla Gravity: piani sequenza, fluidità della macchina da presa, fortissimo realismo e una fotografia che lascia senza fiato.

Sembra di essere immersi in una storia d’altri tempi che vive di ispirazioni letterarie (London) e di reminiscenze cinematografiche: il Mann de L’ultimo dei Mohicani con i cosiddetti indiani che fanno una paura terribile; Balla coi lupi, persino Malick negli slanci religiosi e nella rappresentazione della Natura e della Luce, l’Aldrich dello splendido L’imperatore del Nord.

Film girato meravigliosamente e interpretato meglio da Di Caprio e Hardy, il primo ha un ruolo complicato, da antieroe, per nulla romantico; il secondo crudele e cinico, rozzo e bestiale.

Cruento, tragico eppure affascinante: potrebbe essere il film dell’anno per compattezza, originalità e suggestioni visive.

Revenant – Redivivo, di Alejandro González Iñárritu


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. james scrive:

    insomma…lento e pretenzioso.
    grande fotografia e paesaggi stupendi e misteriosi, ma ancora una volta l’esaltazione dell’americano che si rialza letteralmente e si prende la sua vendetta contro tutto e tutti

    io darei l’oscar all’orso, veramente meraviglioso nella scena della lotta con Di Caprio

  2. Quercia scrive:

    Non l’ho visto e probabilmente andrò a vederlo.
    Una domanda: ma non vi pare che Di Caprio si sia abbonato ad interpretare ruoli di personaggi antipatici/problematic/antieroi? Per carità, lo ha fatto bene alcune volte, penso Titanic, Django, TheDeparted, BloodDiamonds, Wolf of WS, Gangs of NY, però sempre non il massimo della simpatia. Non vorrei che per far “dimenticare” l’interpretazione in titanic, dove era un idolo per ragazzine, si sia buttato in ruoli esclusivamente “duri”. Mi piacerebbe molto vederlo in un ruolo umile, simpatico, riflessivo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana