Google+

Renzi: «Fermiamo i delinquenti, e andiamo avanti con Expo»

maggio 12, 2014 Chiara Rizzo

Le dichiarazioni del premier alla vigilia del suo incontro domani a Milano con le istituzioni. Intanto Sala alla Commissione antimafia: «Mai fatto raccomandazioni»

Domani Matteo Renzi sarà a Milano per discutere di Expo con le istituzioni coinvolte nell’organizzazione dell’evento, intanto oggi ha ribadito che «L’Expo è una grandissima opportunità per gli italiani. In tanti mi dicono “non mischiare la tua faccia che è pulita con questi”. Io preferisco rischiare di perdere qualche punto nei consensi e non perdere una grande opportunità. Non si devono fermare lavori, si devono fermare delinquenti». Renzi ha anche dichiarato di avere «assolutamente fiducia» nel commissario di Expo Giuseppe Sala.

LA TASK FORCE. Intanto l’attuale presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone, ex magistrato a Napoli, è stato chiamato dal premier per dirigere una task force che vigilerà sulla corretta assegnazione di appalti e sull’esecuzione dei lavori. Cantone, intervistato da Radio 24, ha dichiarato: «Rinunciare all’Expo? Soprattutto adesso significherebbe dimostrare che l’illegalità vince. Dire no all’Expo non a priori ma proprio ora significa dimostrare che siccome ci sono fenomeni corruttivi vasti, lo Stato non è in grado di porvi un argine». In un’altra intervista a Tgcom24, Cantone ha quindi aggiunto: «Io quando faccio qualcosa non la faccio mai solo a livello formale. Non ho nessuna attenzione a svolgere attività di tipo manageriale e non ne avrei capacità, quindi il mio ruolo compatibile sarebbe evidentemente di controllo, verificherò e accerterò. Devo ancora capire cosa intende il presidente del consiglio per “task force” per poi capire quale è il mio lavoro».

SALA DAVANTI ALLA COMMISSIONE ANTIMAFIA. Intanto stamattina si è tenuta l’audizione del commissario di Expo Sala davanti alla Commissione parlamentare antimafia. Sala ha parlato dei suoi rapporti con il manager di Expo2015 Angelo Paris, che ha deciso di chiedere le dimissioni, dopo il suo arresto di giovedì. «Ad Angelo Paris ho dato fiducia e non ho sospettato che potesse tenere certi tipi di comportamento» ha spiegato Sala, aggiungendo che Paris «fece parte del comitato di candidatura, aveva lavorato su questo progetto, era stato scelto dall’ex sindaco Moratti. Aveva fatto un lavoro molto importante su Torino 2006. Era una persona esperta su questo tipo di eventi». Riguardo agli altri arrestati, tra cui Primo Greganti e Gianstefano Frigerio, Sala ha dichiarato: «Mai parlato con questi personaggi, né ci avrei mai parlato: sarebbe un’ingenuità avere relazioni con personaggi tristemente noti sul territorio lombardo, e non solo. Chi fa il mio lavoro e ha la mia immagine, è difficile che riceva pressioni in maniera diretta». Poi ha sottolineato: «Sto a quello che dice la Procura. Ad oggi le gare apparentemente non sono state condizionate, ma l’attenzione è alta». Nel tempo sono stati diversi i problemi che si sono presentati, ad esempio «non sono riuscito a organizzare una gara senza avere ricorsi». Sala ha concluso: «Ma la cosa certa, dimostrata dai fatti che posso dire a testa alta è che non ho mai assunto una persona che mi sia stata raccomandata politicamente».

GLI INTERROGATORI A PARIS E MALTAURO. Oggi si sono svolti gli interrogatori di garanzia sia al manager Paris che all’imprenditore Enrico Maltauro. Quest’ultimo era stato ripreso in un video dagli investigatori mentre consegnava 15 mila euro di tangenti all’esponente ligure dell’Udc Sergio Catozzo (anche lui tra gli arrestati di giovedì). Oggi davanti ai pm che coordinano l’indagine, Claudio Gittardi e Antonio D’Alessio, e al gip Fabio Antezza, Maltauro ha parzialmente ammesso i fatti «nella loro materialità», riservandosi di chiarire la propria posizione in successivi interrogatori dei pm. Nell’interrogatorio con il gip Antezza, Paris (direttore generale della divisione Costruzione e smantellamento e responsabile dell’Ufficio contratti) ha chiesto l’autorizzazione di inviare alla società Expo una lettera di dimissioni, e ha chiarito la propria posizione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.