Google+

Renzi ai deputati Pd: «Manteniamo gli impegni o dovrete spiegare voi agli elettori le vostre azioni»

marzo 11, 2014 Chiara Rizzo

Il Pd è diviso per l’insofferenza dell’ala left e delle deputate all’Italicum, il segretario-premier cerca di ricompattare le fila prima del voto alla Camera. E sul lavoro: «I penultimatum di Squinzi e Camusso? Ce ne faremo una ragione»

È stata necessaria un’assemblea d’urgenza con il premier-segretario, nel Pd di Matteo Renzi all’indomani della spaccatura sulle quote rosa. Ieri quei 100 voti contrari (che hanno ricordato la carica dei 101 franchi tiratori sull’allora candidato alla presidenza Romano Prodi) all’emendamento che poteva introdurre l’alternanza paritaria uomo-donna nelle liste hanno creato una divisione fortissima all’interno del partito. Ma forse il motivo che ha spinto più di ogni altro Renzi a convocare i suoi deputati è mantenere il gruppo compatto ed evitare franchi tiratori su di lui stesso: «Sulla legge elettorale non c’è da mantenere un patto con Berlusconi» ha ammonito, «ma un impegno che come partito abbiamo preso, profondo, netto, chiaro». Renzi ha poi sottolineato più volte il suo «marcato dissenso» verso chi tra i suoi deputati ritiene incostituzionale l’Italicum che sta per essere approvato alla Camera.

«ASSUMETEVI LE VOSTRE RESPONSABILITA’». Quelle del segretario Pd non sono parole giunte a caso, l’intervento è minorato a quella “minoranza” Pd, che però alla Camera è ancora l’ex maggioranza bersaniana. Renzi per pungolare i suoi sa che gli basta usare un solo argomento: «Se qualcuno non vuole votare oggi, lo deve spiegare bene fuori da qui» haa detto. L’accusa di immobilismo, che ha portato alla fine del governo Letta, è temuta, perciò il premier ha lanciato la sua frecciatina: «Vi chiedo, come Pd, di chiudere oggi o questo ricadrà su di noi. Chi oggi attacca la legge elettorale non ha sollevato il tema della parità di genere per la segreteria o per il governo». E ancora, stavolta rivolto ai soliti franchi tiratori: «Sarebbe positivo che si accelerasse la riforma del regolamento della Camera e si limitasse il ricorso al voto segreto». Poche ore dopo Bersani su Agorà ha fatto capire a quali deputati Renzi si sia rivolto: «Al Senato dovrà essere cambiato qualcosa dell’Italicum – ha detto l’ex segretario Pd –- Capisco gli accordi, e che Berlusconi si sia affezionato ad alcuni punti, ma dovrà farsene una ragione pure lui. Se non c’è una spinta sulle regole, alla parità di genere non arriveremo mai». E poi, piccato, Bersani ha aggiunto: «Io Berlusconi al Nazareno non l’avrei mai portato».

«DOMANI METTEREMO NELLE TASCHE DEGLI ITALIANI UNA BUONA SOMMA». Per quanto riguarda le deputate del Pd sul piede di guerra, stamattina Renzi ha cercato di abbonirle: ««Se ci saranno le condizioni per discutere al Senato di parità di genere, riapriremo la discussione» ha promesso. Poi ha annunciato: «Entro due settimane sarà formalizzato un atto parlamentare su Senato e Titolo V», per questo ha convocato anche nei prossimi giorni una direzione Pd proprio su questi temi. Renzi ha parlato ai suoi anche delle misure per il lavoro che annuncerà pubblicamente domani: «Sarà presentato un disegno di legge delega sul lavoro, ad aprile saremo pronti con la riforma della Pubblica amministrazione, a maggio attueremo la delega sulla riforma fiscale, a giugno ci sarà un pacchetto di riforme sulla giustizia». In particolare, «Per la prima volta domani sarà messa nelle tasche degli italiani una significativa quantità di denaro. Sui penultimatum di Squinzi e l’eventualità di sciopero della Comusso ce ne faremo una ragione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana