Google+

Regolamentare la prostituzione? È come tassare le mazzette

febbraio 18, 2012 Redazione

A Torino si vuole premere sul Governo perché si approvi una legge sulla prostituzione. Ma per Silvio Magliano, Pdl, è «una scelta che costa più di quel che rende. Regolamentare la prostituzione è controproducente, non solo per ragioni etiche. Lo dicono le statistiche, lo dice quanto è accaduto in altri paesi, lo dicono le associazioni che da anni si occupano di sfruttamento delle donne»

Regolamentare la prostituzione? Il 30 gennaio il Consiglio Comunale di Torino ha approvato un ordine del giorno della Lega Nord con cui si impegna il sindaco Piero Fassino a farsi promotore presso il Governo di una legge per la regolamentazione della prostituzione. La Lega ha chiesto la possibilità di riaprire le “case di tolleranza”. L’odg ha ricevuto 22 voti favorevoli a fronte di 9 astensioni.

Ma per Silvio Magliano (foto a lato), vicepresidente vicario del Consiglio comunale, Pdl, questa è «una scelta che costa più di quel che rende. Regolamentare la prostituzione è controproducente, non solo per ragioni etiche. Prostituzione significa sfruttamento, significa violenza sulle donne. Come può lo Stato pensare di trarre fondi, sotto forma di tasse, da un’azione che non è solo immorale, ma gravemente lesiva dei diritti della persona? Sarebbe come tassare il contrabbando o le mazzette».

Non solo. Per Magliano, la norma lancia «un messaggio diseducativo: lo sfruttamento di altri esseri umani sarebbe identificato come legale, mentre la prostituzione potrebbe anche essere identificata come una possibilità per sfuggire alla disoccupazione e alla crisi. Non è legalizzandola che si combatte la tratta, lo dicono le statistiche, lo dice quanto è accaduto in altri paesi, lo dicono, soprattutto, le Associazioni che da anni si occupano di sfruttamento e che, tanto per cambiare, non sono state mai coinvolte: la violenza sulle donne esiste anche ad Amsterdam e in Germania, lo raccontano ai Volontari le ragazze che, giunte da lì in Italia, riescono a trovare finalmente il coraggio per sfuggire ai loro aguzzini».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana