Google+

Regno Unito, nuove linee guida: l’eutanasia soft degli inglesi

giugno 3, 2011 Benedetta Frigerio

Ancora manca una legge sul fine vita ma le ultime notizie non promettono niente di buono. Con l’obiettivo di frenare l’eutanasia passiva, spesso praticata per colpa delle vecchie linee guida, l’ordine dei medici di base inglesi ne ha redatte di nuove. I pazienti indicheranno, senza alcun tipo di vincolo, come vogliono essere trattati in caso di malattia grave

Il Corriere della Sera di giovedì 2 giugno apriva con il titolo “In Gran Bretagna l’eutanasia gestita dai medici di base”. Oltre a essere forte, il titolo è anche fuorviante perché in Inghilterra, dove si sta discutendo una legge sul testamento biologico, una legge statale sul fine vita ancora non c’è.

L’articolo si riferisce, infatti, a delle linee guida varate dall’ordine che raccoglie i medici di base inglesi, il Royal College dei General Practitioner, in cui si chiede ai pazienti di scrivere precisamente come vogliono essere trattati in caso di malattia grave. Il documento è ambiguo e non presenta vincoli di alcun tipo. Nonostante questo, scrivono i giornali inglesi, dovrebbe servire a frenare l’eutanasia passiva già effettuata dai medici senza consenso né dei pazienti né dei parenti.

Di fatto in Gran Bretagna nel 2004 furono consigliate dal servizio sanitario nazionale altre linee guida, contenute nel Liverpool Care Pathway (Lcp). Il protocollo è definito come «un percorso di cura integrata utilizzato al capezzale per incrementare un’elevata qualità del morente» e permette la sospensione di alimentazione e idratazione, sostituibili nelle ultime ore con la morfina. Questa prassi, normale e non eutanasica quando il paziente è ormai nelle ultime ore di vita, veniva però usata a sproposito e in maniera letale, come dimostrato dalle denunce di pazienti e parenti. «In alcuni casi infatti – riporta il Daily Telgraph di mercoledì 1 giugno – lo staff ospedaliero è stato accusato di accelerare la morte dei pazienti senza informare i parenti. Perciò, il Liverpool Care Pathway (…) è stato spesso criticato da esperti preoccupati che venga permesso di morire a pazienti che potrebbero anche riprendersi».

E’ quindi per ovviare alla prassi mortifera introdotta dall’Lcp, spiega sempre il quotidiano inglese, che ieri sarebbero uscite le nuove linee guida del Royal College. In realtà, il documento sembra più che altro uno strumento voluto dai medici per difendersi da eventuali denunce.

 Si richiede, infatti, al paziente di scrivere esattamente come desidera essere trattato in caso di malattia grave, ma siccome nel protocollo non vengono specificati vincoli di alcun tipo, il problema dell’eutanasia rimane. In compenso, i dottori sono deresponsabilizzati. «Uno strumento legale che vuole arginare l’eutanasia ma che di fatto permette che un paziente scriva come i medici si debbano comportare nel caso di incapacità di esprimersi, è comunque rischioso» ha dichiarato l’avvocato Charles Foster, membro del comitato bioetico di Oxford.

Foster ha poi avvertito che si dovrebbe sapere che «spesso i pazienti si attaccano alla vita proprio quando si fa più dura e che la volontà dovrebbe sempre essere attuale».

 Per lo stesso motivo la Chiesa cattolica inglese, già durante il dibattito legislativo sul fine vita, aveva precisato che qualsiasi norma o regolamento in questo campo è destinata solamente a fare danni: «Condividiamo – avevano scritto 750 sacerdoti – la grande preoccupazione di quei cattolici esperti in medicina legale che hanno ammonito che le disposizioni normative quali quella che dà forza legale ai “testamenti viventi”, costringerà i medici a smettere l’assistenza a vita (come l’alimentazione o l’idratazione) o il trattamento medico». Non solo, la Chiesa cattolica aveva già avvertito che i testamenti spingono le persone a pensare «di essere un peso per gli altri e a credere che ci siano casi in cui la vita non è degna di essere vissuta, così il diritto a morire potrebbe anche trasformarsi in un dovere a morire».

Così, anche questo secondo protocollo del Royal College non tranquillizza chi si oppone all’eutanasia ma neanche la permette esplicitamente, come il titolo del Corriere della Sera suggeriva in modo erroneo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.