Google+

Regioni spagnole in crisi. Rischiano l’arrivo degli “uomini in nero”

luglio 23, 2012 Chiara Sirianni

La Comunidad Valenciana ha chiesto il salvataggio per fare fronte alle scadenze di debito del 2012. Potrebbe essere la prima di una lunga serie

Francisco Camps, presidente della Comunitat Valenciana e dirigente di primo piano del Partido Popular, ha sempre detto di gestire fieramente una regione modello per tutto il mondo. Dichiarazioni che stridono con la richiesta di Alberto Fabra, suo successore alla presidenza della Generalitad, di aderire al fondo liquidità autonoma di Valencia (FLA). Si tratta di un meccanismo di finanziamento (da 18 miliardi di euro) ideato per consentire di rispettare le scadenze di pagamento. La Comunitat Valenciana è stata la prima a farsi avanti e si tratta di una decisione significativa, dato che la regione ha un debito interno superiore al 20% del Pil, e che ha trascinato per anni gravi problemi di liquidità per far fronte agli impegni presi.

Come ha ammesso, del resto, lo stesso vicepresidente del consiglio comunale José Ciscar: «Negli ultimi anni abbiamo scelto di indebitarci per competere con le altre regioni». Il fondo è stato creato la scorsa settimana dal premier Mariano Rajoy, per aiutare le regioni in difficoltà finanziarie. Sono altre sei, secondo il quotidiano El Pais, le regioni che potrebbero chiedere l’aiuto del governo centrale: Catalogna, Castilla, Baleari, Murcia, Canarie e Andalusia. In cambio degli aiuti, il governo chiede severissime misure di austerity. Una novità storica: la Costituzione spagnola sancisce infatti l’autonomia, anche finanziaria, delle regioni, che finora hanno potuto imporre la tassazione sul loro territorio valutando in grande libertà aliquote e deduzioni.

I governi regionali, del resto, sono tutti in grande difficoltà: le banche hanno rallentato i prestiti e le entrate sono in caduta libera. La Catalogna, per esempio, due settimane fa ha formalizzato un prestito di 500 milioni di euro per pagare le ferie estive ai propri dipendenti. Il timore è che si tratti di una bomba a orologeria. Il cambio dell’accesso a questi fondi, infatti, il ministro delle Finanze potrebbe imporre politiche di aggiustamento strutturale e, qualora rilevasse rischi finanziari, potrebbe inviare gli “uomini in nero” (secondo un’espressione del ministro delle finanze, Cristobal Montoro) per controllare lo stato di salute delle casse delle varie regioni e stabilire dure condizioni finanziarie. Esattamente come ha fatto l’Unione Europea con Grecia, Irlanda e Portogallo, e con la Spagna stessa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    l’autonomia forse è stata scambiata (italia compresa) come la libertà di indebitarsi a scapito della collettività.
    forse il bene comune è invece che tutti risparmino qualcosa per poter avere un governo federale (cioè di tutti) che spenda il bilancio per servizi nazionali e progetti mirati. come potranno farlo regioni che si dichiarano antinazionali?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download