Google+

C’è una componente del No che non deve essere ignorata

dicembre 14, 2016 Alfredo Mantovano

Sarebbe grave se il popolo della famiglia continuasse a essere marginalizzato dalla politica. E da un mondo cattolico che al referendum si è defilato o diviso

family-day-circo-massimo-renzi-ci-ricorderemo-ansa

Anticipiamo la rubrica di Alfredo Mantovano contenuta nel numero di Tempi in edicola da giovedì 15 dicembre (vai alla pagina degli abbonamenti)

«Il Sì fa il risultato migliore a Milano, Bologna, Firenze e il peggiore a Napoli, Bari, Cagliari. C’è altro da aggiungere?». Quando, a poche ore dal referendum, l’ex presidente dell’Enel Chicco Testa ha diffuso questo tweet non ha espresso “razzismo”, come è stato detto criticandolo. Ha mostrato di non aver colto la lezione del 4 dicembre. A Capalbio il clima è mite, il mare splendido, l’aria ideale per lo jogging: quando il No si materializza al 60 per cento ti fa lo stesso effetto dei profughi, pur se poche unità, che compaiono in cerca di alloggio temporaneo. È un pezzo di una realtà che – sia che appartieni alla sinistra radical chic sia che sconfini nella destra perbenista (c’è tanta differenza?) – preferisci tenere a distanza. Hai nei suoi confronti un atteggiamento ideologico postmarxista: se la realtà non si incasella nelle categorie che ti sei costruito, tanto peggio per la realtà.

Negli otto mesi di campagna referendaria il Sì è stato presentato come il voto responsabile, distante dai populismi, bene accetto ai salotti, all’Unione Europea e agli investitori. Poi però si è fermato al 40 per cento: perché? Perché se tratti come un paria chi ha una intenzione di voto diversa dall’establishment; se la qualifica più garbata che gli attribuisci è “populista”; se teorizzi di limitare il più possibile il voto stesso, soprattutto quando passa per un referendum, chi ti ascolta e tiene al proprio voto, visto che non gli è rimasto altro, ti dice chiaro e forte che non è d’accordo. Se poi, a urne chiuse, ne disprezzi il risultato e lo qualifichi come incivile, veramente mostri che il tuo orizzonte si ferma a Capalbio.

Le ragioni di una mossa
Chiediti perché, con lo spiegamento impressionante messo in campo dal Sì, e con un No a mani nude, è andata come è andata. Quel 60 per cento è vario: non permette a nessuno di vantare la vittoria esclusivamente come propria, e non si spiega con la mera sommatoria dei simpatizzanti di M5s, Lega, di una parte di Forza Italia e della minoranza Pd. Si spiega con ulteriori addendi, non ultimo quello di famiglie italiane che non si sentono rappresentate da nessuno e che protestano contro la propria umiliazione, accelerata negli ultimi tre anni. Cui si aggiunge la fotografia di concreta quotidiana difficoltà scattata alla loro condizione dall’ultimo rapporto Censis, poche ore prima del voto.

Le motivazioni del No sono andate da quelle conservative degli apologeti della Costituzione “la più bella del mondo” all’opposizione alla riforma come conseguenza dell’opposizione politica a Renzi; ma in esse ha avuto peso anche il popolo del Family Day. Al Circo Massimo, il 30 gennaio scorso, su uno striscione vicino al palco della manifestazione delle famiglie era scritto “Renzi ci ricorderemo”. Il premier ha dapprima deriso quella piazza, poi l’ha disprezzata imponendo con doppia fiducia la legge cosiddetta sulle unioni civili (nella sostanza il matrimonio same-sex), dopo aver fatto passare con lo stesso metodo altre leggi ostili alla famiglia. Qualche mese dopo quel popolo – qualche milione di persone – “si è ricordato”.

Sarebbe grave se questa componente del No fosse ignorata ancora adesso, dopo esserlo stata dai media, dai commentatori e dal premier per l’intera campagna referendaria. Sarebbe grave se questa marginalizzazione continuasse ad avvenire da parte di un mondo cattolico che alla tornata referendaria ha pensato bene in suoi settori significativi di nascondersi o di dividersi – perfino all’interno di singole associazioni – di fronte a una riforma che negava frontalmente il principio di sussidiarietà, cardine della Dottrina sociale della Chiesa.

Il No di domenica è un incoraggiamento popolare – non populista – a non accontentarsi di aver fermato il pericolo: e a chiedersi, in epoca di crollo demografico, come ridare dignità alla famiglia. Se non ci badano in primis i cattolici, chi ci pensa? Quelli di Capalbio?

Foto: Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana