Google+

Recensioni

dicembre 21, 2006 Fortunato Simone

Il mio miglior amico di Patrice Leconte Genere: commedia Voto: Buono Che fatica trovare un amico. François è un antiquario, un uomo che colleziona di tutto ma non ha nessun amico. Commedia sull’amicizia virile simpatica e con un pizzico di malinconia. Leconte ha dato il suo meglio quando ha dovuto raccontare storie di amicizia come […]

Il mio miglior amico
di Patrice Leconte
Genere: commedia
Voto: Buono
Che fatica trovare un amico. François è un antiquario, un uomo che colleziona di tutto ma non ha nessun amico. Commedia sull’amicizia virile simpatica e con un pizzico di malinconia. Leconte ha dato il suo meglio quando ha dovuto raccontare storie di amicizia come nel suo L’uomo del treno. E qui non fallisce, complice anche una citazione sapiente da Il piccolo principe. E così il suo ultimo film è delicato, commovente e dice una grande verità: che l’amicizia si impara.

Déjà vu
di Tony Scott
Genere: thriller inverosimile
Voto: sufficiente
Un attentato terroristico su un traghetto provoca la morte di centinaia di persone. Attraverso un complicato congegno spaziotemporale, un detective si mette alla ricerca del colpevole. Tony è il fratello minore e meno dotato di Ridley e anche qui si vede, eccome. E così Déjà Vu risulta essere un thriller fracassone e muscolare, che si fa beffe anche delle più elementari regole della verosimiglianza e che occhieggia a C.S.I, senza possedere però un briciolo di logica. Neppure quando i morti ammazzati tornano in vita senza alcun motivo.

Boog & Elliot
di Roger Allers e Jill Culton
Genere: animazione
Voto: sufficiente
Scordatevi le prodezze digitali della Pixar o la perfezione cromatica di Shrek. E scordatevi anche i contenuti politicamente scorretti, pro family, di Cars o Gli incredibili. Un orso addomesticato fin dalla nascita se la deve vedere con la vera natura del bosco. Simile a Shrek ma solo nello schema (due personaggi, opposti e contrari) Boog & Elliot è il meno divertente dei tre cartoni per il Natale. Più rutti che gag.

Commediasexi
di Alessandro D’Alatri
Genere: commedia qualunquista
Voto: pessimo
Un politico cattolico che predica bene e razzola male. Prepara una legge a difesa della famiglia e tradisce la moglie con una velina. Il regista di Casomai tenta una satira di costume ma il discorso è piatto e non va oltre le banalità da bar: i politici (democristiani) corrotti, la volgarità della tv, i quindici minuti di popolarità televisiva. C’è persino un odioso cardinale dall’accento teutonico. Poco divertente, parecchio qualunquista e senza un minimo di speranza.

Happy feet
di George Miller
Genere: animazione new age
Voto: pessimo
In una colonia di pinguini che passano tutto il tempo a cantare musica pop, nasce un pinguino scarso di voce ma ballerino eccezionale. Tanti dubbi: il film assomiglia troppo a La marcia dei pinguini per non indovinare il finale; i pinguini sono brutti, hanno delle zampe orribili, e nonostante l’impegno degli animatori, non si distinguono. E poi, la cosa più terribile: la canzone del cuore, quella che «ogni pinguino deve trovare dentro di sé». I cattivi, va da sé, sono i soliti bigotti.

Un’ottima annata
di Ridley Scott
Genere: sentimentale
Voto: ottimo
Quando la bellezza cambia la vita. Un uomo d’affari cinico e ripiegato su se stesso si ritrova la vita cambiata. Da una vigna e da un incontro. Come in uno dei suoi film più belli e sottovalutati, Il genio della truffa, Ridley Scott racconta di un cambiamento che, dopo le prime resistenze, apre il cuore e spalanca alla realtà. Succede a Max Skinner, abile banchiere londinese. Ed è un cambiamento che non nasce da un progetto, ma da un incontro. La vigna è bella.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Era arrivato il momento… In effetti dalla presentazione del Diablo Scooter sono passati dodici anni: correva l’anno 2005 e ad oggi l’evoluzione dei mezzi è stata incredibile, soprattutto in termini di prestazioni. Per Pirelli si è trattato di un investimento importante che ha dato due frutti che coprono la quasi totalità di tipologie di scooter presenti […]

L'articolo Prova Pirelli Angel e Diablo Rosso scooter proviene da RED Live.

Motori al minimo. Guardo a sinistra, mi rendo conto che se sommo l’età dei due piloti che mi affiancano sulla griglia di partenza il risultato supera di poco la metà dei miei anni. C’è davvero da chiedersi cosa diavolo ci faccio qui io in mezzo a questa masnada di mocciosi dal polso molto (troppo) snodato. […]

L'articolo In pista al CIV con KTM RC390 – Ricomincio da 3 (e 90) proviene da RED Live.

Ha riscosso un successo superiore alle aspettative della stessa Renault e ora si rinnova per contrastare la concorrenza sempre più folta e agguerrita. Derivata dalla compatta Clio, la crossover Captur, sul mercato dal 2013, beneficia di un restyling sia estetico di sostanza, in special modo per ciò che concerne la scelta dei materiali e la […]

L'articolo Renault Captur 2017: cresce in qualità proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana