Google+

Recensioni

dicembre 21, 2006 Fortunato Simone

Il mio miglior amico di Patrice Leconte Genere: commedia Voto: Buono Che fatica trovare un amico. François è un antiquario, un uomo che colleziona di tutto ma non ha nessun amico. Commedia sull’amicizia virile simpatica e con un pizzico di malinconia. Leconte ha dato il suo meglio quando ha dovuto raccontare storie di amicizia come […]

Il mio miglior amico
di Patrice Leconte
Genere: commedia
Voto: Buono
Che fatica trovare un amico. François è un antiquario, un uomo che colleziona di tutto ma non ha nessun amico. Commedia sull’amicizia virile simpatica e con un pizzico di malinconia. Leconte ha dato il suo meglio quando ha dovuto raccontare storie di amicizia come nel suo L’uomo del treno. E qui non fallisce, complice anche una citazione sapiente da Il piccolo principe. E così il suo ultimo film è delicato, commovente e dice una grande verità: che l’amicizia si impara.

Déjà vu
di Tony Scott
Genere: thriller inverosimile
Voto: sufficiente
Un attentato terroristico su un traghetto provoca la morte di centinaia di persone. Attraverso un complicato congegno spaziotemporale, un detective si mette alla ricerca del colpevole. Tony è il fratello minore e meno dotato di Ridley e anche qui si vede, eccome. E così Déjà Vu risulta essere un thriller fracassone e muscolare, che si fa beffe anche delle più elementari regole della verosimiglianza e che occhieggia a C.S.I, senza possedere però un briciolo di logica. Neppure quando i morti ammazzati tornano in vita senza alcun motivo.

Boog & Elliot
di Roger Allers e Jill Culton
Genere: animazione
Voto: sufficiente
Scordatevi le prodezze digitali della Pixar o la perfezione cromatica di Shrek. E scordatevi anche i contenuti politicamente scorretti, pro family, di Cars o Gli incredibili. Un orso addomesticato fin dalla nascita se la deve vedere con la vera natura del bosco. Simile a Shrek ma solo nello schema (due personaggi, opposti e contrari) Boog & Elliot è il meno divertente dei tre cartoni per il Natale. Più rutti che gag.

Commediasexi
di Alessandro D’Alatri
Genere: commedia qualunquista
Voto: pessimo
Un politico cattolico che predica bene e razzola male. Prepara una legge a difesa della famiglia e tradisce la moglie con una velina. Il regista di Casomai tenta una satira di costume ma il discorso è piatto e non va oltre le banalità da bar: i politici (democristiani) corrotti, la volgarità della tv, i quindici minuti di popolarità televisiva. C’è persino un odioso cardinale dall’accento teutonico. Poco divertente, parecchio qualunquista e senza un minimo di speranza.

Happy feet
di George Miller
Genere: animazione new age
Voto: pessimo
In una colonia di pinguini che passano tutto il tempo a cantare musica pop, nasce un pinguino scarso di voce ma ballerino eccezionale. Tanti dubbi: il film assomiglia troppo a La marcia dei pinguini per non indovinare il finale; i pinguini sono brutti, hanno delle zampe orribili, e nonostante l’impegno degli animatori, non si distinguono. E poi, la cosa più terribile: la canzone del cuore, quella che «ogni pinguino deve trovare dentro di sé». I cattivi, va da sé, sono i soliti bigotti.

Un’ottima annata
di Ridley Scott
Genere: sentimentale
Voto: ottimo
Quando la bellezza cambia la vita. Un uomo d’affari cinico e ripiegato su se stesso si ritrova la vita cambiata. Da una vigna e da un incontro. Come in uno dei suoi film più belli e sottovalutati, Il genio della truffa, Ridley Scott racconta di un cambiamento che, dopo le prime resistenze, apre il cuore e spalanca alla realtà. Succede a Max Skinner, abile banchiere londinese. Ed è un cambiamento che non nasce da un progetto, ma da un incontro. La vigna è bella.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Elettrica, due posti, leggerissima e con un’autonomia di 160 km. La nuova concept a zero emissioni è una creazione dell’Università di Monaco e promette un prezzo in linea con una city car a benzina.

Edizione limitata della coupé bavarese per celebrare la vittoria nel Campionato tedesco turismo. La meccanica resta invariata, mentre l’allestimento esterno è di chiara ispirazione racing.

Un campo di battaglia inusuale per una sfida che ha il sapore della competizione a stelle e strisce. 800 metri di terra battuta da percorrere a tutto gas, rigorosamente in senso antiorario. Queste sono le regole dell’ovale e a scriverle sono due giapponesi dall’anima sportiva: Subaru WRX STi e Honda CRF 450R Supermoto

Si avvicina alla fine la produzione della hypercar ibrida di Stoccarda e fioccano gli ordini. Restano solo pochi, pochissimi esemplari disponibili. In fondo, bastano 800.000 euro per scatenare 887 cv e percorrere 32,3 km/l…

Un'innovativa combinazione di materiali e tessuti garantisce la regolazione termica ottimale

Speciale Nuovo San Gerardo