Google+

Recensioni

dicembre 21, 2006 Fortunato Simone

Il mio miglior amico di Patrice Leconte Genere: commedia Voto: Buono Che fatica trovare un amico. François è un antiquario, un uomo che colleziona di tutto ma non ha nessun amico. Commedia sull’amicizia virile simpatica e con un pizzico di malinconia. Leconte ha dato il suo meglio quando ha dovuto raccontare storie di amicizia come […]

Il mio miglior amico
di Patrice Leconte
Genere: commedia
Voto: Buono
Che fatica trovare un amico. François è un antiquario, un uomo che colleziona di tutto ma non ha nessun amico. Commedia sull’amicizia virile simpatica e con un pizzico di malinconia. Leconte ha dato il suo meglio quando ha dovuto raccontare storie di amicizia come nel suo L’uomo del treno. E qui non fallisce, complice anche una citazione sapiente da Il piccolo principe. E così il suo ultimo film è delicato, commovente e dice una grande verità: che l’amicizia si impara.

Déjà vu
di Tony Scott
Genere: thriller inverosimile
Voto: sufficiente
Un attentato terroristico su un traghetto provoca la morte di centinaia di persone. Attraverso un complicato congegno spaziotemporale, un detective si mette alla ricerca del colpevole. Tony è il fratello minore e meno dotato di Ridley e anche qui si vede, eccome. E così Déjà Vu risulta essere un thriller fracassone e muscolare, che si fa beffe anche delle più elementari regole della verosimiglianza e che occhieggia a C.S.I, senza possedere però un briciolo di logica. Neppure quando i morti ammazzati tornano in vita senza alcun motivo.

Boog & Elliot
di Roger Allers e Jill Culton
Genere: animazione
Voto: sufficiente
Scordatevi le prodezze digitali della Pixar o la perfezione cromatica di Shrek. E scordatevi anche i contenuti politicamente scorretti, pro family, di Cars o Gli incredibili. Un orso addomesticato fin dalla nascita se la deve vedere con la vera natura del bosco. Simile a Shrek ma solo nello schema (due personaggi, opposti e contrari) Boog & Elliot è il meno divertente dei tre cartoni per il Natale. Più rutti che gag.

Commediasexi
di Alessandro D’Alatri
Genere: commedia qualunquista
Voto: pessimo
Un politico cattolico che predica bene e razzola male. Prepara una legge a difesa della famiglia e tradisce la moglie con una velina. Il regista di Casomai tenta una satira di costume ma il discorso è piatto e non va oltre le banalità da bar: i politici (democristiani) corrotti, la volgarità della tv, i quindici minuti di popolarità televisiva. C’è persino un odioso cardinale dall’accento teutonico. Poco divertente, parecchio qualunquista e senza un minimo di speranza.

Happy feet
di George Miller
Genere: animazione new age
Voto: pessimo
In una colonia di pinguini che passano tutto il tempo a cantare musica pop, nasce un pinguino scarso di voce ma ballerino eccezionale. Tanti dubbi: il film assomiglia troppo a La marcia dei pinguini per non indovinare il finale; i pinguini sono brutti, hanno delle zampe orribili, e nonostante l’impegno degli animatori, non si distinguono. E poi, la cosa più terribile: la canzone del cuore, quella che «ogni pinguino deve trovare dentro di sé». I cattivi, va da sé, sono i soliti bigotti.

Un’ottima annata
di Ridley Scott
Genere: sentimentale
Voto: ottimo
Quando la bellezza cambia la vita. Un uomo d’affari cinico e ripiegato su se stesso si ritrova la vita cambiata. Da una vigna e da un incontro. Come in uno dei suoi film più belli e sottovalutati, Il genio della truffa, Ridley Scott racconta di un cambiamento che, dopo le prime resistenze, apre il cuore e spalanca alla realtà. Succede a Max Skinner, abile banchiere londinese. Ed è un cambiamento che non nasce da un progetto, ma da un incontro. La vigna è bella.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Di queste vetture non ci scorderemo, perché continueranno a far parlare di sé anche in futuro. Ecco la top ten dei modelli che, per stile o raffinatezza tecnologica, hanno segnato l’anno appena trascorso.

In Germania e Svizzera non vige alcun obbligo, ma sono “caldamente raccomandati” e in caso d’incidente con gomme estive… si paga. Gran parte dell’Europa impone le coperture winter, come in Italia. In Portogallo e Grecia? Non sanno cosa siano!

L’edizione speciale della supercar del Toro celebra la storica collaborazione con Pirelli, da oltre cinquant’anni fornitore degli pneumatici di primo equipaggiamento delle vetture di Sant’Agata Bolognese. Meccanica invariata, livrea bicolore.

Versione cabriolet della gigantesca e raffinata berlina Mulsanne Speed, adotta un V8 6.75 biturbo benzina da 537 cv. Radica e pelle a profusione in abitacolo.

Già disponibile nelle concessionarie la crossover di casa Honda, anche nella sua versione più turistica

Speciale Nuovo San Gerardo