Google+

Una volta si chiamava “Piazza Paradiso”. Oggi è “Piazza Inferno” per le «decapitazioni e crocifissioni»

dicembre 2, 2014 Redazione

A Raqqa, roccaforte dello Stato Islamico in Siria, si vive «nella disperazione». La gente è alla fame, i jihadisti «girano per le strade bevendo Red Bull»

siria-isil-raqqa-crocifissione1«Lo Stato islamico uccide moltissime persone: vediamo tante esecuzioni, tante decapitazioni. Ho assistito alla crocifissione di cinque persone in città, nella piazza del Paradiso. Oggi gli abitanti di Raqqa la chiamano piazza dell’Inferno». La quotidianità nella capitale siriana del Califfato, Raqqa, è molto diversa da quello che la propaganda islamista vorrebbe far credere. A fornire un resoconto preciso al domenicale The Observer è Abu Ibrahim Raqqawi, fondatore del gruppo di attivisti che risiedono in città “Raqqa viene massacrata silenziosamente”.

PREZZI ALLE STELLE. La popolazione di 200 mila abitanti, ai quali vanno aggiunti circa cinquemila soldati del Califfato, vive in uno stato di disperazione: «Lo Stato islamico controlla e uccide le persone. E quando l’aviazione siriana o quella americana ci attaccano, non cercano neanche di abbattere i loro aerei. Stanno a guardare la gente che muore e questo fa infuriare la popolazione». Al di là degli attacchi aerei, che si sono intensificati nelle ultime due settimane, anche solo comprare generi di prima necessità per sopravvivere è diventato difficile: il costo del pane è salito in modo vertiginoso, passando da 37 pound siriani al chilo (17 centesimi di euro) a 250 (1,15 euro), «un aumento del 150 per cento».

«LORO BEVONO RED BULL». Se la popolazione fatica anche solo a comprare il pane, i miliziani dell’Isil non hanno gli stessi problemi: «Loro girano per le strade bevendo Red Bull, che costa 250 pound a lattina, e guadagnano 30 mila pound al mese». Lo stipendio, equivalente alla misera cifra di 140 euro, è comunque «il doppio di quanto guadagna mensilmente un siriano medio». Chi non può permettersi un pasto «va a una specie di mensa per i poveri, dove è possibile avere un pasto gratis al giorno. Più di mille famiglie la frequentano ma l’Isil non ha mai dato niente per la mensa».

SANITÀ NON FUNZIONA. Da quando i raid aerei della coalizione hanno distrutto le centrali elettriche della città, anche l’acqua corrente e la luce elettrica sono considerati privilegi. Le case comuni soffrono di continui blackout, al contrario degli edifici dello Stato islamico, «dove c’è sempre la luce accesa». Una delle tattiche portate avanti dai terroristi è sempre stata quella di accattivarsi il favore della popolazione ma secondo Raqqawi, le cui parole non possono essere verificate in modo indipendente, a Raqqa non funziona così: «La città soffre per la povertà e le malattie. Tutti i prezzi si sono alzati, la vita ha un costo eccessivo e poi le persone muoiono per le carenze della sanità: mentre l’ospedale privato per i membri dello Stato islamico ha tutto il meglio, quello della gente comune manca di dottori, ambulanze, tutto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana