Google+

Ragazza saudita muore per attacco di cuore. Campus femminile impedisce al dottore di entrare: «L’islam lo proibisce»

febbraio 14, 2014 Leone Grotti

Le rigide regole religiose non permettono a medici uomini di visitare donne non accompagnate. Religioso islamico: «Non è permesso mostrare parti del proprio corpo al dottore, neanche se è urgente»

«L’islam proibisce a una donna di farsi visitare da un medico maschio senza essere accompagnata da un guardiano». Con queste parole un importante giurisperito islamico saudita del Consiglio degli Ulema, incaricato di emettere fatwa su ciò che è consentito o proibito dalla legge islamica, ha giustificato la decisione presa dal campus femminile della King Saud University di non far entrare il personale paramedico per salvare la vita a una giovane studentessa.

DIVIETO DI ENTRARE AI MEDICI. Amna ha avuto un attacco di cuore lo scorso 10 febbraio nel campus. Il personale medico, composto da soli uomini, è arrivato in tempo per salvarle la vita ma ha dovuto aspettare due ore per ottenere il permesso di entrare, trattandosi di un campus riservato a sole donne. Amna, al momento dell’attacco di cuore, non era propriamente vestita e non poteva quindi essere visitata da un medico maschile.

VALORE DELLA VITA. Il caso ha fatto scalpore nel Regno e molti giornali si sono chiesti se la vita di una persona non valga di più del rispetto delle regole sulla moralità imposte dall’islam. Ma come dichiarato dall’ulema Sheikh Qays al-Mubarak «le donne stanno diventando negligenti e hanno cominciato a consultare dottori senza un guardiano e questo è proibito». «Non è permesso – ha aggiunto – mostrare parti del proprio corpo al dottore, neanche quando il caso è urgente».

ROGO DI UNA SCUOLA. La storia di Amna ne ricorda un’altra tragica avvenuta nel 2002, quando 15 studentesse persero la vita in una scuola della Mecca. Le ragazze, di età compresa tra i 12 e i 14 anni, si trovavano dentro l’edificio quando prese fuoco e nella foga della fuga scapparono senza indossare l’abaya, l’indumento nero che copre interamente il corpo. La polizia religiosa obbligò le ragazze a tornare indietro a prendere l’abaya e queste morirono nell’incendio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. mauro scrive:

    e che muoia allora, l’islam è un oscurantismo inutile e dannoso; impiccano poeti che inneggiano alla libertà e alla vita, poi impediscono a una donna di essere visitata. Moralisti e violenti

  2. Giovanni scrive:

    L’islam è una religione violenta ed intollerante. Una religione che prevede la morte per apostati, adulteri ed omosessuali.
    Ma quando ce ne renderemo conto tutti quanti?
    Permettere la diffusione dell’islam in nome della libertà di religione, sarebbe come permettere il diffondersi dell’ideologia nazi-fascista in nome della libertà di pensiero.

  3. beppe scrive:

    già si fatica ad ammettere che permettano questi comportamenti in casa loro. la tragedia è che poco per volta lo stanno facendo in casa nostra ( vedi piscine per sole islamiche a milano).

  4. Mappo scrive:

    E noi cattolici e la Chiesa stessa sempre pronti a calarsi le braghe in nome del “dialogo”, dell'”ecumenismo”, della “tolleranza”, ovviamente sempre a senso unico.. Quel fesso di Letta è andato a mendicare un po’ di soldi nei paesi arabi e loro hanno preteso in cambio di aprire un museo dell’Islam a Venezia e noi tutti contenti……

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana