Google+

Radiohead contro Berlusconi. E vabbè. Ma anche contro le intercettazioni. E quindi?

settembre 24, 2012 Daniele Ciacci

“The Daily Mail” è una canzone che parla di potere e di intercettazioni. A Roma, i Radiohead la dedicano al Cav. Senza sapere che il primo soggetto messo alla gogna a causa della stampa è proprio lui.

A vent’anni dal compleanno di Creep, il singolo di debutto dei Radiohead, la band di Thom Yorke torna in Italia e saluta i fan del Belpaese dopo vicissitudini e continui rimandi (lo scorso 16 giugno, a Toronto, un operaio morì sotto il palco della tournée, causando l’immediato stop del tour mondiale). Il 22 settembre la prima data all’Ippodromo delle Capannelle di Roma, cui è seguito lo show di ieri a Firenze, e si aspettano ancora le tappe a Bologna e a Codroipo (Udine). E così, uno degli appuntamenti più attesi dell’estate è giunto a concretizzarsi, con sollievo di tutti quelli che, comprato il biglietto, avevano paura di aver buttato i propri denari nella spazzatura.

UNA CANZONE PER IL CAV. Il secondo nome della band di Oxford è “show”, il terzo è “business”. Insieme, è “showbusiness”. E per far colpo nella scena musicale nostrana non si può che prescindere dall’assumere a sé i medesimi bersagli dell’arte nazionalpopolare. E chi se non l’infinito, imperituro, imperterrito Silvio Berlusconi, che da qualche mese a questa parte tedia le orecchie dei progressisti chic con il suo ritorno in politica? «Oh my god» avrà esordito Thom Yorke che, a ben vedere, non ha fatto altro che cogliere la palla al balzo, dedicando al Cavaliere The Daily Mail, di cui citiamo i versi incriminati: «You’ll keep time, you’ve no right, you’re fast to lose, you will lose, you jumped the queue, you’re back again president for iife». Tradotto: «Hai preso tempo, non ne hai il diritto, sei veloce a perdere e perderai, hai saltato la coda, sei ancora qui presidente a vita».

SCANDALO INTERCETTAZIONI. Grandi applausi del pubblico. Oltre ad essere una canzone tra le più quotate del repertorio dei Radiohead, The Daily Mail è anche abbastanza recente (24 giugno 2011). Insomma, sulla cresta dell’onda. Peccato solo che, nella stesa canzone, Thom Yorke condanni l’abuso delle intercettazioni da parte dei media inglesi. The daily Mail è infatti una rivista gossippara e di tendenza, con l’obiettivo dichiarato di fare scandalo. Dice la canzone: «You made a pig’s hear, you made a mistake (…) and when you’re innocent, fat chance, no plan, no regard for human life». Tradotto: «Hai fatto orecchie da maiale, hai fatto uno sbaglio (…) e quando sei innocente, grossa possibilità, non c’è nessun piano, nessun riguardo per la vita umana». E chi, se non Berlusconi, è stato perseguitato dall’impiego smodato dell’intercettazione data in pasto alla stampa? Thom Yorke, prima di fare certe uscite, è bene informarsi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi