Google+

Quirinarie. Ai grillini piemontesi non piace Gian Carlo Caselli (che rinviò a giudizio i No Tav)

aprile 15, 2013 Marco Margrita

Fra i grillini il nome più discusso è quello del Procuratore Generale di Torino. «I grillini si dimostrano, con queste posizioni, contigui ai violenti anti Tav»

Oggi si chiudono le “quirinarie” del Movimento 5 Stelle. Nella rosa dei dieci nomi, il Piemonte la fa da padrone. Ben tre i nomi subalpini: Emma Bonino, Gian Carlo Caselli e Gustavo Zagrebelsky. Solo sull’ultimo, però, non ci sono state lagnanze da parte dei grillini locali, nonostante certi recenti pronunciamenti del giurista sull’impraticabilità della democrazia diretta e telematica.

Il nome più discusso, nonostante i meriti antiandreottiani che gli hanno garantite simpatie tra i seguaci di Grillo, è quello di Caselli. Brucia la sua inchiesta, da Procuratore Generale di Torino, sulle violenze No Tav, con il rinvio a giudizio di decine di militanti. «Se lo votiamo – ha detto il capogruppo al Comune di Torino, Vittorio Bertola – non ci potremo più far vedere in Val Susa». E propria dalla Valle, è il senatore Marco Scibona uno dei più rumorosi, pur precisando che «ci adegueremo alle indicazioni della base», anticaselliani. «I grillini – punge polemico il collega Pd a Palazzo Madama e Sì Tav, Stefano Esposito – si dimostrano, con queste posizioni, contigui ai violenti anti Tav».

Non piace nemmeno Emma Bonino. Troppo vecchia politica per i novatori professionisti. E non è questione di idee visto che in testa alle simpatie dei grillini piemontesi sta Stefano Rodotà, non certo meno radicale della Emma pannelliana.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.