Google+

“Quindici giorni per la libertà”. La Chiesa Usa non si piega ad Obama

giugno 28, 2012 Letizia Mariani

La battaglia contro l’amministrazione Obama entra nel vivo. Il cardinale O’Malley: «Siamo in prima linea, ma sopra le parti. Solo così la Chiesa sarà in grado di resistere alla secolarizzazione»

«Abbiamo il dovere di ricordarci che la nostra nazione fu fondata sul principio della libertà religiosa e fu un rifugio per coloro che fuggirono da persecuzioni religiose». Così il cardinale Sean O’Malley, arcivescovo di Boston, ha scritto sul suo blog il 15 giugno, annunciando l’imminenza dei “Quindici Giorni per la Libertà” (21 giugno – 4 luglio), indetti dalla Chiesa americana per promuovere la battaglia contro la legge che prevede la copertura assicurativa per contraccezione e aborto da parte di istituzioni cattoliche.

La battaglia contro l’amministrazione Obama, insomma, entra nel vivo. E la Casa Bianca ha dichiarato che prevederà delle eccezioni alla legge solo per organizzazioni che servono esclusivamente cattolici e dove lavorano esclusivamente cattolici. «Ma non possiamo e non vogliamo fare queste distinzioni», dice oggi O’Malley in un’intervista ad Avvenire, aggiungendo che i vescovi hanno avuto incontri regolari con lo staff di Obama per cercare di ottenere un emendamento. Il cardinale spiega che a Boston e a Washington i servizi di affido ed adozione della Caritas sono stati costretti a chiudere perché era stato ordinato dal governo locale di assegnare bambini a coppie omosessuali. «Ormai è passata la linea che il bene comune si raggiunge attribuendo agli individui quante più libertà possibili, in modo che possano perseguire la propria soddisfazione personale». Anche se gran parte dell’America è ormai di mentalità liberal, parte del popolo rimane legato alla Chiesa cattolica, condividendone lo spirito battagliero. Afferma convinto O’Malley: «I cattolici vogliono una Chiesa in prima linea, combattiva, ma sopra le parti. Solo così la Chiesa sarà in grado di resistere alla secolarizzazione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. raffaella says:

    Grazie per ricordare la chiesa americana che ai suoi vertici é un esempio di libertà per tutti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download