Google+

Questa serie non s’ha da trasmettere: «Irrispettosa del Corano»

agosto 29, 2012 Elisabetta Longo

Citizen Khan è una serie tv su una famiglia islamica di Birmingham appena partita sui canali della Bbc ma già rischia di chiudere per le proteste ricevute dagli spettatori musulmani: «Pressapochista e stereotipata».

Questa volta il proverbiale humour inglese non è servito a molto, visto che chi doveva cogliere l’ironia l’ha totalmente ignorata. Così la serie Citizen Khan, appena lanciata su Bbc 1, rischia di chiudere nel giro di pochi episodi perché durante la messa in onda il canale di punta britannico è stato sommerso di minacce e insulti per il modo «stereotipato sulla cultura asiatica, pressapochista sui costumi e irrispettoso nei confronti del Corano».

Al centro della storia ci sono mr Khan, ipotetico leader di una comunità pakistana inglese, grande appassionato di cricket, e la sua famiglia, composta da moglie e due figlie, Shazia e Alia, una delle quali sta per sposarsi. La storia si svolge a Birmigham, capitale del Pakistan inglese, per l’alta concentrazione di immigrati di tale nazionalità. I motivi di preoccupazione quotidiana di mr Khan sono i rapporti con il capo della moschea locale Dave e quelli con il fidanzato di sua figlia Shazia, Amjad.

Durante la messa in onda dell’episodio (che dura meno di mezzora) la Bbc ha ricevuto più di 200 mail di insulti e altrettanti messaggi di stato su Twitter da parte di utenti offesi per i temi trattati. Una scena in particolar modo ha sdegnato gli spettatori musulmani, quella in cui una delle due figlie, troppo truccata per essere musulmana, litiga con il padre che le dice di rimettersi l’hijab (il velo) e leggere insime il Corano. Uno commenta dicendo: «Una ragazza con un top senza maniche, il trucco e l’hijab? Questo è altamente improbabile, l’hijab circoscrive la modestia di una donna». Un altro twitta: «State insultando tutte le donne che orgogliosamente portano l’hijab», e via discorrendo. Dalla rete invece sono orgogliosi degli ascolti di questo episodio pilota, 3,6 milioni di spettatori, ma come faranno a gestire le proteste?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana