Google+

Quella bottega della memoria nel cuore del ghetto di Roma

aprile 4, 2017 Walter Veltroni

Migliaia e migliaia di fotografie raccolte ed esposte. L’intero archivio di Paese Sera, e poi tutto ciò che riguarda politica, cinema, musica, arte, letteratura, cronaca, paesaggi

DSCN9306_Fotor

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – C’è un piccolo negozio, a Roma, che si chiama “Il museo del Louvre”. È a via della Reginella, nel cuore di uno dei luoghi più belli della capitale, il quartiere ebraico. Vado spesso lì. Mi sembra che quelle mura, quelle case trattengano memoria più di ogni altro spazio cittadino. Alzando la testa e guardando le finestre sembra di sentire i rumori degli scarponi dei nazisti che salivano le scale dei palazzi, all’alba del 16 ottobre 1943. Si può sentire, chiudendo gli occhi, il suono dei lamenti, delle implorazioni, delle urla degli ebrei romani che furono portati via, più di mille, e poterono tornare dai campi di sterminio in sedici, solo in sedici.

Per me il ghetto rastrellato ha una voce che non si può non ascoltare. Ogni giorno, in quegli stessi luoghi, si celebra oggi la vita ritrovata. Gli studenti della scuola ebraica che sciamano vocianti, i ristoranti tipici che a primavera mettono i tavoli fuori, gli anziani che ricordano seduti sulle panchine, i bar dove ci si ritrova per parlare di Totti o di tasse.

In una delle stradine di quell’intrico che è il ghetto, Giuseppe Casetti, un signore gentile, con dei precoci capelli bianchi, ha allestito una bottega della memoria. Quello che l’archivio dei diari fa con le parole a via della Reginella viene fatto con le immagini. Migliaia e migliaia di fotografie raccolte ed esposte. L’intero archivio di un grande quotidiano della capitale come Paese Sera, e poi tutto ciò che riguarda politica, cinema, musica, arte, letteratura, cronaca, paesaggi.

Chi ama la storia o chi non ha perso la luce della memoria deve passare da quel negozio pieno di libri e di fotografie, pieno di senso e di storia. Ci si possono passare ore, a guardare e frugare nel passato. Anche in rete si possono trovare frammenti bellissimi, come una rassegna storica delle istantanee delle estati a Roma. Chiudete gli occhi, guardandole. Altro che Zemeckis e la sfavillante DeLorean…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download