Google+

Quel tweet profetico di Solzenicyn è tutto un programma (elettorale)

gennaio 28, 2013 Renato Farina

Boris Godunov (alias Farina) è convinto che le proposte politiche devono partire da esperienze esistenti. I partiti non devono inventarle, ma difenderle e amarle

Mi è capitato di rileggere il discorso di Aleksandr Solzenicyn a Templeton, 10 aprile del 1983. Sembra pronunciato ieri, ma forse anche domani. Spiega il disastro sociale dell’Est e dell’Ovest con il cinguettio (sembra un tweet) di un vecchio russo: «La gente ha dimenticato Dio, tutto quel che avviene ne è la conseguenza». Si è persa «la fermezza dei cuori».
A un seminario dell’Intergruppo parlamentare per la sussidiarietà, dove c’era gente di tutti o quasi i partiti, fu posta questa domanda al cardinal Camillo Ruini (magari era stato Boris stesso l’autore del quesito): «In America e in Russia, i leader politici, Obama e Putin ad esempio, citano spesso Dio. Del resto il Papa di Roma e il Patriarca di Mosca sostengono che la crisi economica non si risolve con l’economia ma guardando più su, anzi più dentro: la causa del disastro è l’esclusione di Dio. Perché in Italia non si parla di Dio in politica? Ce ne vergogniamo?». Ruini rispose, e qui Boris per rispetto non virgoletta, che  non c’è bisogno di citare Dio, anzi meglio evitarlo: può essere ipocrisia, strumentalizzazione. In realtà il modo per non dimenticare Dio è di porre al centro della politica la persona, la sua verità profonda di senso religioso, la sua natura irriducibile e tesa all’infinito. Dio è dimenticato quando la singola persona diventa un particolare del disegno, un niente, o al massimo è ridotta a individuo, visto come portatore di diritti a prescindere dal suo essere in relazione, e quindi con doveri riguardo al prossimo e al Tutto.

La persona è una scoperta cristiana e questa scoperta il cristianesimo l’ha deposta ai piedi della nostra civiltà come pietra angolare. Gente colta vi dirà: ehi, ragazzo, è una parola greca, viene da prósopon, appartiene al linguaggio teatrale e sta per maschera che gli attori si mettevano sulla faccia per interpretare un personaggio. Noi indossiamo la persona – il sesso, la voce, il corpo – e così recitiamo un ruolo sulla scena del mondo: ma la realtà vera è l’individuo, a sua volta dovuto. La sua essenza è quella. Siamo soli, e l’altro è l’inferno.
Il cristianesimo ha cambiato anche la storia delle parole. Letteralmente prósopon vuol dire “sguardo”, c’è la preposizione prós che indica il legame con qualcosa di costitutivo. Anche il latino persona implica il suonare attraverso, suonare per mezzo di… Implica un altro. Questo vale in Dio (Tre Persone). Vale per gli uomini. Siamo in rapporto. Questo comporta la libertà come qualità non del genere umano o del collettivo o della classe o del blocco sociale, ma del singolo, di tu che mi leggi. Storicamente è nata con Israele, con la domanda di Dio ad Abramo, e poi in pienezza con Gesù Cristo, per cui sei solo tu, singolo, persona, che dici sì o no. È dall’idea di persona, di relazione, e non di individuo, che nasce anche la responsabilità: essa esiste solo quando c’è libertà e quando c’è uno che chiede conto. E credo che a questo si riferiscano il vecchio ortodosso russo e il Papa. Poi si tratta di lavorare, inventare, voler bene. Si tratta di avere la “fermezza del cuore” e l’arguzia della mente.
E qui mi imbarcherei in un paio di proposte. La persona innanzitutto è in relazione con la famiglia, nella cui culla l’individuo è posato in rapporto al tu. Il primo diritto-dovere è far nascere figli, mettere in condizione i ragazzi di unirsi e mettere al mondo figli. Educarli. Nella libertà. Credo siano i princìpi non negoziabili, i quali non sono limiti ma fontane di speranza. Esistono esperienze così, per fortuna. Non deve inventarle la politica, ma difenderle, promuoverle, amarle.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.