Google+

Quel Sud tradizionale che resiste ai panini ciuf ciuf

settembre 22, 1999 Massobrio Paolo

Il bicchiere. Enogastronomia politica

Anni fa, l’umorista Bruno Gambarotta, condusse un’inchiesta per la sede Rai di Torino per verificare quali erano i principali fattori di adattamento delle famiglie meridionali emigrate al Nord. Dei tre indicatori presi in esame: abbigliamento, arredamento e alimentazione, il più restio ai cambiamenti fu proprio l’alimentazione. Solo chi è nato giù, del resto, può capire il valore affettivo di quelle bottiglie d’olio saporose o delle taniche di rosso di Manduria che viaggiano sui treni fino alle città del Nord.

Raffaele e Angela sono stati fortunati, si uniranno in matrimonio il 2 ottobre, ma Gianni e Marina dovranno attendere fino al 19 agosto del 2000. Prima di allora nessun ristorante era libero per ospitare il loro pranzo nuziale. “Ma fai un catering” direte voi. A quel punto il volto dell’amico si tingerà di scuro, quasi aveste emesse una bestemmia o, per educazione, una semplice scemenza. A me fa tenerezza questo attaccamento alle tradizione, alle origini: lo reputo una delle cose più serie ed educative nella vita di una persona, al di là degli esempi citati . Dicono di un punto fermo, di una radice, di un’attaccamento e anche di un’appartenenza. E poi di un’etica del rispetto e dell’accoglienza.

Per questo credo che il Sud sarà una grande resistenza all’omologazione ed ai panini ciuf ciuf. Ma gastronomia è davvero così importante? Guardiamo due fatti. In Francia Mc Donald’s ha dovuto mettere il paté nei suoi Big Mac ed il Roquefort nei Cheeseburgher, altrimenti i contadini, che un’identità ce l’hanno, versavano letame davanti ai loro negozi colorati. E se in Lombardia l’anti Formigoni sarà il tristanzuolo Martinazzoli, in Piemonte hanno pensato a Carlin Petrini, fondatore di Arcigola Slow Food, per contrastare Enzo Ghigo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.