Google+

Quel “sì” radicato nel Natale davanti alla muffa dei “no” alla Sandy Hook

dicembre 23, 2012 Luigi Amicone

D’altronde, non è per una strage di bambini che conosciamo Erode, questa figura d’uomo di ogni tempo, geloso del proprio potere?

La banalità del male. Si poteva definire “banale” la Shoah e titolare così il resoconto del processo Eichman, il gerarca nazista che aveva respinto con sprezzo morale un romanzo di Nabokov fattogli pervenire in carcere e che con altrettanta presunzione morale aveva preteso l’assoluzione, rivendicando davanti ai giudici la propria integrità di impiegato, applicato allo sterminio in ottemperanza alle leggi dello Stato e ai doveri di ogni cittadino tedesco?

È così, ha ragione Hannah Arendt e la sua opinione «che il male non possa mai essere “radicale”, ma solo estremo; e che non possegga né una profondità, né una dimensione demoniaca. Può ricoprire il mondo intero e devastarlo, precisamente perché si diffonde come un fungo sulla sua superficie. È una “sfida al pensiero”, perché il pensiero vuole andare in fondo, tenta di andare alle radici delle cose, e nel momento che s’interessa al male viene frustrato, perché non c’è nulla. Questa è la “banalità”. Solo il bene ha profondità, e può essere radicale». Così, riconosciamo questa banalità all’opera anche nella strage dei bimbi innocenti del Connecticut. La banalità del nulla, questa muffa che si allarga sulla faccia della terra.

D’altronde, non è per una strage di bambini che conosciamo Erode, questa figura d’uomo di ogni tempo, che per gelosia di perdere il proprio potere, il proprio dominio, il proprio possesso, scatena la più simbolica delle muffe che la storia ricordi? Voleva prendersi la vita di Gesù, il Re dei re. Ma la Vita è imprendibile e la si ottiene solo con il dono di sé, la gratitudine, il “sì”. E questo è precisamente il Natale di Cristo davanti alla muffa del niente, tenero di sovente, in qualche caso Sandy Hook.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi