Google+

Quel gran Papa Bonifacio VIII

gennaio 1, 1999 Frangi & Stolfi

Senza ombrello, sotto il temporale

Nella distinzione un po’ farisaica tra papi buoni e papi cattivi Bonifacio VIII è stato sicuramente catalogato nella seconda schiera. La damnatio memoriae era iniziata subito dopo la sua morte, merito anche di Dante che nel volgere di pochi mesi (quelli che intercorrono tra la fine del papa e la stesura dell’Inferno) aveva cacciato l’ex custode di Pietro tra le braccia di Lucifero. Eppure Bonifacio VIII aveva avuto per primo l’idea che oggi riempie di entusiasmo e commozione anche i più accaniti farisei: il Giubileo. A raccontare la storia di quell’illustre precedente è un libro straordinario, ripubblicato oggi da Laterza, ma scritto oltre 40 anni fa. Autore ne è Arsenio Frugoni, grande storico, che in poco più di 100 pagine, ricostruisce con precisione e minuzia appassionante il Giubileo del 1300 di Bonifacio VIII (capita purtroppo sempre più di rado di leggere libri così densi e così ragionati, in ogni riga, in ogni virgola, dove la storia prende un respiro, grande, drammatico, tacitiano). Dal libro di Frugoni possiamo apprendere tre cose interessanti. La prima: non fu il Papa a indire il Giubileo, ma fu un imprevedibile, e tuttora inspiegato, afflusso di pellegrini a Roma nel Natale 1300 a indurre Bonifacio VIII, nel febbraio (quindi fu un annuncio con effetto retrodatato) a emanare la celebre Bolla. Bonifacio aderì a quell’input venuto dal popolo comune; e poi colse, con grande fiuto politico, l’occasione di rafforzare la sua posizione, molto esposta sul fronte di alcune famiglie romane e di alcune potenze straniere (la Francia in particolare). La seconda cosa riguarda la figura del Papa stesso. Ne hanno fatto un ricettacolo di ogni peccato, un po’ come sarebbe successo 200 anni dopo con Alessandro VI Borgia (un papa che aveva difetti da vendere, ma che fu un fedele custode della memoria cristiana; cioè che fu fedele al suo primo compito). In realtà Bonifacio, spregiudicato e irruente, si trovò a traghettare la Chiesa fuori da uno choc devastante: le dimissioni di un Papa, come Celestino V. Un fatto che non aveva precedenti nella storia cattolica. A differenza di quanto la vulgata ha poi diffuso, Celestino, aveva seminato terribili mine nel territorio della Chiesa, aprendo una breccia minacciosa a tutte le correnti spiritualiste, derivate dal millenarismo semieretico di Gioacchino da Fiore. Celestino probabilmente fu a suo modo un puro, ma certo, come spesso capita ai puri, si era esposto a troppi ricatti e troppe prevaricazioni. Quando Bonifacio VIII sale al trono pontificio deve imprimere una sterzata brutale alla barca di Pietro. Il libro di Frugoni non sposa la causa di Bonifacio, ma con la sua prosa serratissima, rende l’atmosfera drammatica in cui il Papa si trova ad agire. E in questo modo gli rende giustizia (non dimentichiamo che anche Andreotti, altro maestro di realismo, pochi anni fa, in un processo pubblico organizzato ad Anagni, aveva assolto Bonifacio). La terza lezione del libro, riguarda la figura dei pellegrini. La parola che li definisce, significava che erano lontani dalla patria, cioè che erano senza patria. E andavano a Roma per avere una diminuzione della pena per i loro peccati (cioè le indulgenze). Teniamolo presente se ci capiterà di essere pellegrini…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.