Google+

Quebec, basta simboli religiosi in pubblico. «Questo è ateismo ufficiale»

gennaio 18, 2014 Redazione

«La libertà di esprimere la nostra fede in privato e in pubblico è un diritto riconosciuto dalla nostra Carta dei diritti e delle libertà».

Continua la marcia del Quebec verso un secolarismo sempre più intollerante verso qualsiasi espressione di appartenenza religiosa. Certamente non un buon esempio di laicità, ma solo di laicismo giacobino. Come vi avevamo già raccontato, infatti, il partito di governo “Parti Québécuois” spinge l’esecutivo a far approvare la cosiddetta “Carta dei valori”, che ha nella sua intestazione l’esatto contrario di quel che afferma visto che vuole vietare l’esposizione di tutti i simboli religiosi, compresa la croce cristiana, in tutti gli uffici pubblici.

I rappresentanti delle religioni ufficiali si stanno molto lamentando della deriva che la politica vuole imporre al paese e anche i cattolici stanno facendo sempre più sentire la propria voce. Già il presidente dei vescovi del Québec, Pierre-André Fournier, ha avuto modo di stigmatizzare la Carta affermando che questa presunta laicità altro non è se non “ateismo ufficiale” si Stato.
In questi giorni anche Gérald Lacroix, arcivescovo di Québec, tra poco cardinale, ha fortemente criticato il provvedimento: “La libertà di esprimere la nostra fede in privato e in pubblico è un diritto riconosciuto dalla nostra Carta dei diritti e delle libertà”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Antonio scrive:

    le solite vomitevoli spallate alla religione, in nome di un becero e bullo laicismo

  2. luca scrive:

    che paese civile, magari anche da noi!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Anche i nobili, alle volte, sentono il bisogno di rinnovarsi. Si aggiorna così la Range Rover Sport, una delle SUV più blasonate e raffinate al mondo. A quattro anni dall’unveiling avvenuto al Salone di New York, la sport utility britannica beneficia di un profondo facelift estetico e di sostanza. Al punto da portare al debutto […]

L'articolo Range Rover Sport 2018: prima in tutto proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download