Google+

Quanto è bello questo Belgio: giovane, promettente e made in England

ottobre 15, 2012 Emmanuele Michela

Rifilare tre gol a una Serbia dal pacchetto difensivo “di ferro” (Ivanovic, Nastasic e Kolarov non avrebbero dovuto far rimpiangere l’assente Vidic) non è impresa da tutti, specie se si gioca su un suolo quasi sacro per il calcio balcanico, il Marakana di Belgrado, dove la nazionale slava non perdeva da 11 anni: basterebbe questo […]

Rifilare tre gol a una Serbia dal pacchetto difensivo “di ferro” (Ivanovic, Nastasic e Kolarov non avrebbero dovuto far rimpiangere l’assente Vidic) non è impresa da tutti, specie se si gioca su un suolo quasi sacro per il calcio balcanico, il Marakana di Belgrado, dove la nazionale slava non perdeva da 11 anni: basterebbe questo per far capire l’enorme potenziale di una delle nazionali più promettenti del calcio europeo, il Belgio, uscito appunto vittorioso dalla sfida di venerdì sera 3-0 contro le Aquile Bianche di Sinisa Mihajlovic. Qui dove raramente il calcio ha sorriso con talento e successi (di cui è ricca la bacheca solo dell’Anderlecht, con due Coppe delle Coppe e una Coppa Uefa; l’altro trofeo europeo è del Machelen, vittorioso in Coppa delle Coppe nell’88) sembra che in pochi anni sia arrivata a cottura perfetta una straordinaria infornata di talenti.

GIOVANE E INGLESE. C’è un nome su tutti, paradigma eccelso dell’organico di cui stiamo parlando: è quello di Eden Hazard, il giocatore più pagato nella storia del calcio belga, con quei 40 milioni che il Chelsea ha sborsato la scorsa estate per portarlo via dal Lille. 21 anni, in nazionale maggiore da quando ne ha 17, ha tutte le carte in regola per diventare un vero top player (ammesso che non lo sia già). Inutile prolungarci troppo su di lui: basti pensare alle parole al miele spese per lui da Zinedine Zidane, di cui il giocatore dei Blues è considerato l’erede. Ma Stamford Bridge sta applaudendo Hazard tanto quanto tutta la Premier l’esplosione di questi campioncini belga, che Oltremanica paiono aver trovato il terreno migliore per piantare le loro radici.

DIFESA DA TOP CLUB. Partiamo dalla difesa, che punta fortissimo su tre nomi, tre colossi delle retroguardie più solide della Premier: il primo è Vincent Kompany, capitano del City campione d’Inghilterra, il secondo è il Gunners Thomas “Verminator” Vermaelen, e il terzo è Jan Vertonghen, appena arrivato al Tottenham e già in gol nel bel successo degli Spurs all’Old Trafford. Sempre a White Hart Lane tutti riconoscono il grande valore di Moussa Dembélé, che non sta affatto sfigurando nel ruolo che, mesi fa, era ricoperto da Luka Modric, mentre dall’Aston Villa arriva Christian Benteke: venerdì sera un suo gol ha aperto le marcature al Marakana. E la bella sorpresa di queste prime giornate di Premier, ovvero l’Everton di David Moyes, può vantare tra i suoi protagonisti due ragazzi cresciuti proprio nella Jupiler Pro League: Kevin Mirallas e, soprattutto, Marouane Fellaini, centrocampista capellone con il vizio del gol, quest’anno andato in rete già tre volte. Non è finita, anche tra i pali i Diavoli Rossi parlano inglese: il torinista Gillet ha poco spazio tra gli emergenti Mignolet del Sunderland e soprattutto Courtois, numero dell’Atletico Madrid ma di proprietà, manco a dirlo, del Chelsea. E sempre in mano ad Abramovich ci sono due ’93 di cui si parla solo bene: uno è il fratello di Eden Hazard Thorgan, in prestito in patria, e l’altro è il Romelu Lukaku, tra i migliori del West Bromwich marchiato Steve Clarke.

RESTO D’EUROPA. Non solo Inghilterra però. Qualche campione dei Diavoli Rossi gioca anche in patria, come Mboyo, Vossen e Ciman, o nel campionato dei vicini di casa olandesi (Mertens, Chadli, Alderweireld), sperando di sfruttare la scia dei connazionali esplosi vicino a casa e acquistati nel giro di poco tempo da club stranieri. Tra questi c’è anche Axel Witsel, classe ’89, di cui si è sempre detto bene prima che arrivasse allo Zenit di Spalletti spaccando involontariamente lo spogliatoio per uno stipendio troppo oneroso, o i più stagionati Van Buyten e Simons. Insomma, una rosa ricchissima. Sarà in grado mister Wilmots di farli girare a meraviglia? La risposta è attesa già domani sera: al Re Baldovino di Bruxelles arriva la Scozia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.