Google+

Quando apriremo gli occhi sull’intolleranza di Pechino?

ottobre 25, 2007 Reibman Yasha

Si rafforza ogni giorno di più la sensazione che la libertà di religione stia diventando sempre più la cartina di tornasole della libertà tout court. Non solo in Arabia Saudita o a Gaza. Prendi la Birmania, dove a opporsi alla dittatura militare sono i monaci buddisti. O prendi la Cina. Il regime di Pechino combatte […]

Si rafforza ogni giorno di più la sensazione che la libertà di religione stia diventando sempre più la cartina di tornasole della libertà tout court. Non solo in Arabia Saudita o a Gaza. Prendi la Birmania, dove a opporsi alla dittatura militare sono i monaci buddisti. O prendi la Cina. Il regime di Pechino combatte giorno dopo giorno per impedire al fenomeno religioso di crescere e teme che il sentimento religioso mini le fragili fondamenta della dittatura. In effetti le libertà in Occidente come in India devono non poco al lungo e difficile rapporto tra lo Stato e le religioni. Il Partito comunista cinese si oppone dunque ai cattolici e pretende di controllare la nomina dei vescovi e creare una propria Chiesa nazionale. Si oppone ai Falun Gong, li imprigiona e li perseguita. Invade il Tibet, cerca da decenni di sradicarne le tradizioni religiose e puntualmente trova nei monaci un’opposizione.
Fatti “interni” che riguardano solo la Cina? Mica tanto. Pare addirittura che alla prossima Olimpiade il governo cinese chiederà (ovvero pretenderà) che non siano ostentati simboli religiosi di alcun tipo. Potranno gli atleti farsi il segno della croce? Non si sa. Il nostro governo non sembra intenzionato a promuovere il boicottaggio della manifestazione sportiva (e nemmeno è pensabile che il nostro Parlamento incontri il Dalai Lama come ha fatto il Congresso degli Stati Uniti). Possiamo almeno chiedere che sia difeso il diritto dei nostri atleti di pregare prima del salto in alto e quello dei cinesi di vederli in questo modo in televisione?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi