Google+

Qualche domanda al ministro Riccardi su lotta alla droga, politiche familiari, servizio civile e adozioni internazionali

gennaio 22, 2013 Carlo Giovanardi

Avevo pregato il ministro di occuparsi di tali tematiche. Ma in un anno e mezzo, essendo stato molto occupato a coltivare il dibattito sulla presenza dei cattolici in politica, se ne è curato poco.

Una volta si diceva che nel giornalismo i fatti vanno separati dalle opinioni, principio che dovrebbe valere anche in politica.

Per alcuni anni mi sono occupato nel Governo Berlusconi di fatti, relativi alle mie deleghe per la lotta alla droga, le Politiche Familiari, il Servizio Civile Nazionale e le Adozioni Internazionali.

Vorrei partire proprio da qui, sulla base di un titolo shock di Avvenire di sabato 19 gennaio: “Adozioni in crisi crollano nel 2012, 3106 minori stranieri contro i 4022 del 2011″: stiamo parlando naturalmente delle Adozioni Internazionali che negli anni precedenti avevano superato quota 4000, a seguito di un grande lavoro svolto in Italia e all’estero dalla Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI) da me presieduta dal 2008 al 2011.

Ricordo le due missioni a Mosca che portarono al primo accordo firmato dalla Russia con un paese straniero per disciplinare le adozioni, la Conferenza da noi organizzata in Burkina Faso, con i paesi africani di quell’area, la posizione privilegiata ottenuta a Phnom Penn per l’Italia con i governanti cambogiani e i festosi incontri in Italia con le delegazioni che da tutto il mondo venivano a controllare come i loro bambini si fossero inserirti nelle famiglie italiane.

C’è stata poi una continua collaborazione con la Commissione, che ho presieduto personalmente, tutte le decine di volte che si è riunita per valutare assieme strategie ed indirizzi per rendere sempre più efficace il rapporto con gli enti preposti all’adozione, i servizi sociali, i tribunali dei minorenni e i paesi nostri referenti.

Stessa cosa posso dire per la consulta del Servizio Civile Nazionale, presieduta con continuità, con la passione di affrontare con i giovani, gli enti di volontariato e gli organismi pubblici tutte le tematiche di uno strumento formidabile per la crescita del Paese che purtroppo rischia di spegnersi per mancanza di risorse finanziarie.

Con il Dipartimento Antidroga poi c’è stata una continuità di iniziative e di confronto con la struttura, le decine di comunità di recupero sparse sul territorio, visitate una ad una e le strutture pubbliche dei SERT, che hanno portato a significativi riconoscimenti internazionali anche attraverso l’accordo Italia-Stati Uniti firmato a Washington e la grande soddisfazione di veder calare in questi anni il consumo di sostanze nel nostro Paese.

Ho trovato anche nel Dipartimento Famiglia straordinari collaboratori con i quali costruire assieme iniziative come quelle del Prestito per i nuovi nati, il Piano Famiglia, il rilancio del Premio Amico della Famiglia e delle politiche di conciliazione che ci hanno fatto sentire punto di riferimento malgrado il calo continuo delle risorse da investire.

Purtroppo nessuno dei validissimi funzionari del Dipartimento Famiglia ha potuto e voluto continuare questa esperienza perché nell’ultimo anno quella eccezionale squadra si è dissolta con trasferimenti in altre strutture amministrative.

Non metto in dubbio che il ministro Andrea Riccardi, che avevo pregato all’inizio della sua esperienza di assumere queste deleghe, non abbia svolto un grande lavoro politico soprattutto per far nascere l’esperienza della lista Monti e coltivare un dibattito sulla presenza dei cattolici in politica.

Ma chi governa è lì per coltivare con grande attenzione e disponibilità l’esercizio delle deleghe che gli sono affidate.

Come è possibile infatti seguire adeguatamente i problemi delle Adozioni Internazionali, se in un anno e mezzo si è presieduto una volta soltanto la Commissione, approfondire le tematiche del Servizio Civile se nello stesso periodo si è presieduto una volta soltanto la Consulta, apprezzare il lavoro del Dipartimento Antidroga senza aver mai messo piede una volta nella sua sede operativa e lavorare per la famiglia azzerando totalmente una squadra affiatata che aveva operato egregiamente sia in Italia che all’estero?

Mi permetto di fare pacatamente queste osservazioni anche riferite a chi avrà compiti nel prossimo esecutivo, perché da un lato non si deve confondere il piano della lotta politica con i doveri della buona amministrazione e dall’altro l’efficienza di un Governo deve essere valutata sui risultati e non sulle pregiudiziali ideologiche.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Enrico scrive:

    Grazie Giovanardi per averlo detto a noi. Ora lo dica anche a Bagnasco & C.

  2. Ufficio stampa ministro Riccardi scrive:

    UFF. STAMPA RICCARDI REPLICA A ON. GIOVANARDI SU FAMIGLIA E ADOZIONI

    «L’ex sottosegretario Giovanardi – visto che mantiene rapporti così stretti i dipartimenti di cui era responsabile, tanto da essere informato addirittura del numero esatto delle volte in cui il ministro Riccardi avrebbe presieduto commissioni e comitati – dovrebbe fare uno sforzo ulteriore, informandosi anche sui motivi reali della diminuzione di adozioni internazionali in Italia. Le adozioni sono in calo in tutto il mondo: e la causa principale è dovuta all’adesione di molti Paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina alla cosiddetta “Convenzione dell’Aja”, che aggiunge nuove e stringenti limitazioni alla possibilità che i loro bambini possano essere adottati in Paesi stranieri».

    Lo afferma un comunicato dell’ufficio stampa del ministro Riccardi.

    «Altri sforzi mnemonici l’on. Giovanardi – prosegue la nota – dovrebbe fare, ricordando per esempio che sotto la sua gestione le risorse per il dipartimento per la Famiglia sono passate da 172 milioni di euro del 2010 a 25 milioni del 2011: mentre il ministro Riccardi è riuscito a reperire, in poco più di un anno di permanenza al governo, 100 milioni di euro destinati non certo a comitati e convegni, ma alla creazione di nuovi asili nido e all’assistenza domiciliare agli anziani. Senza contare i 700 milioni dei fondi strutturali europei in Europa, recuperati grazie al lavoro del ministro Barca, e programmati nelle Regioni del Sud sempre su asili nido e anziani».

    «E ancora sul servizio civile: all’inizio del governo Monti, le risorse residue non erano sufficienti a garantire le partenze per il 2012. Grazie all’impegno di Riccardi – si legge ancora nella nota – sono stati reperiti ulteriori 50 milioni che permetteranno l’espletamento del bando. In aggiunta, stanno partendo in questi giorni i 450 ragazzi reclutati con un bando straordinario che riguarda le zone terremotate dell’Emilia, del Veneto e della Lombardia».

    La nota conclude: «Il ministro Riccardi è stato anche notevolmente impegnato con risultati positivi sul fronte dell’integrazione e della cooperazione internazionale. Nel corso dei suoi numerosi incontri istituzionali con personalità governative di Paesi esteri ha avuto modo di affrontare e risolvere alcune questioni legate al tema delle adozioni internazionali».
    Cordialmente,
    Ufficio stampa ministro Riccardi

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana