Google+

Putin, la Terza Roma e l’imperialismo necessario

settembre 30, 2017 Alessandro Giuli

Senza di lui la guerra in Siria sarebbe lontana dall’epilogo e Trump sarebbe disperato nella ricerca di un interlocutore con il quale rimettere in piedi una Yalta globale

putin-ansa 2

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Sinceri democratici e anime belle dell’ultim’ora non si spaventino: non siamo diventati le majorettes di Vladimir Putin (putinettes); non ci ha colto la provincialissima sindrome d’innamoramento per l’uomo forte o figo, quella che da un po’ di tempo a oggi s’è impadronita dei convertiti al piacionismo muscolare del francese Emmanuel Macron (loro, sì, macronettes). Dalle nostre parti sappiamo benissimo che non sarà lo zar del Cremlino a salvare da solo il mondo, e men che mai a recuperare l’Italia dalla sua dimensione periferica, basculante tra antiche obbedienze atlantiche, recenti allucinazioni eurofobiche e nuovi istinti animali populistici. La Russia di Putin lavora per i propri interessi strategici: contenimento della Nato in Europa; difesa dell’islam nazionalista e della mezzaluna sciita in Medio Oriente, a cominciare dalla Siria di Assad (leggete al riguardo lo strepitoso reportage di Paolo Romani e Mario Mauro nelle pagine che seguono) ma con una equidistanza pragmatica nell’arco di crisi che finisce per contrapporre Iran, Turchia e Israele; ripristino di una Ostpolitik tedesca più favorevole ai naturali rapporti commerciali ed energetici tra Mosca e Berlino (con Parigi e Bruxelles inevitabilmente al rimorchio); allargamento della sfera d’influenza asiatica in collaborazione con la Cina (saranno Mosca e Pechino a sculacciare la Corea del Nord per toglierla dal raggio di tiro dei bombardieri di Donald Trump?); affermazione recisa e irrefutabile dell’alleanza fra trono e altare nella promozione di un tradizionalismo cesaropapista che non concede l’esistenza di molti princìpi negoziabili con il secolarismo sradicante. Insomma un vasto programma che si fa forza delle altrui debolezze, dall’irresolutezza onusiana al tramonto dell’invadente ipocrisia liberal effigiata dalle coppie Obama/Clinton e perseguita da quel fantasma pseudo gollista che fu Sarkozy.

Putin non è un santo, di tanto in tanto esibisce sovietismi inconsci (Ucraina) e cade in qualche peccatuccio di troppo sulle libertà di espressione (leggete la bella conversazione tra Luigi De Biase e Eduard Limonov). Sta di fatto che senza la sua spregiudicatezza la guerra intercontinentale combattuta per procura in Siria oggi sarebbe ancora lontanissima dall’epilogo, e lo staff della Casa Bianca che contorna il Maverik della Trump Tower sarebbe ancora più disperato nella ricerca di un interlocutore credibile con il quale rimettere in piedi una Yalta globale. Ed ecco il punto. Ci piaccia o no, il nuovo disordine mondiale non è destinato a durare: le attuali linee di frattura internazionali, dal terrorismo al riarmo atomico, devono essere governate da un consesso politico sovrano e decisionista. Il mondo anglosferico tenderà a riagglutinarsi intorno a Trump, la Brexit muove in tale direzione dall’Atlantico, le inquietudini giapponesi mirano allo stesso traguardo dal Pacifico; l’Asia profonda sarà ridisegnata dal quadrilatero russo-cino-indo-pakistano; l’Europa è in disarmante ritardo sull’appuntamento e rischia di arrivarci senza sapere come vestirsi: alla tedesca o all’euroasiatica?

A cento anni esatti dalla Rivoluzione d’Ottobre, nel piccolo vuoto europeo di questo grande gioco mondiale, tornerà presto in voga il termine “imperialismo” che secondo Lenin era lo stadio monopolistico del capitalismo e per noi contemporanei è l’esito logico di uno Stato Mondiale ad alto tasso d’instabilità finanziaria, conteso da poche saggezze umane, forti intelligenze artificiali e arcaiche forme di spiritualismo. Nel caso di Putin, per lo meno alle sue spalle c’è l’orma della pretesa Terza Roma costantiniana migrata da Bisanzio a Mosca. (Fintantoché la Prima Roma tace).

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download