Google+

Pubblicare tutte le intercettazioni è un concetto distorto di libertà di stampa

settembre 3, 2012 Francesco Amicone

Intervista a Ruben Razzante, docente di Diritto dell’Informazione all’Università Cattolica. «Le alte cariche non vanno intercettate. Nel caso di Napolitano, ma anche per quel che riguarda Berlusconi, c’è stata una violazione»

Secondo Marco Travaglio, giornalista del Fatto Quotidiano e guru della “libera informazione”, la ricetta per una cronaca “equilibrata” sarebbe quella di fornire ai giornalisti «tutte le carte dell’inchiesta non coperte da segreto», e anche delle indagini difensive, intercettazioni comprese, lasciando poi al giornalista «la libertà di pubblicare quelle di interesse pubblico». Per Ruben Razzante, docente di Diritto dell’Informazione all’Università Cattolica di Milano, il concetto di interesse pubblico è difficilmente ravvisabile, dunque «si dovrebbe impedire la pubblicazione di qualsiasi intercettazione non strettamente connessa all’indagine, a prescindere dalla sua ipotetica rilevanza pubblica».

Le intercettazioni al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano hanno una rilevanza processuale «minima», ma ci sono state altre, come quelle a Silvio Berlusconi che non ne avevano alcuna e che, tuttavia, sono state pubblicate proprio sulla base di un’ipotetica rilevanza pubblica.
Il concetto di “interesse pubblico” non può prescindere dal rilievo giudiziario. Il diritto alla riservatezza vale per tutti i cittadini, compresi i funzionari dello Stato. Le violazioni alla riservatezza non possono essere giustificate che dalla rilevanza penale delle intercettazioni. Per quanto riguarda la vicenda che ha coinvolto Napolitano, io sono convinto che le alte cariche dello Stato non vadano intercettate, e che perciò sia avvenuta una violazione, nella quale si era precedentemente incorsi nelle vicende dell’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi.

Anche la libertà d’espressione è un diritto costituzionale.
Però non è una patente che rende lecito ogni violazione di ogni altro diritto. Questo è un concetto distorto di libertà di stampa. Meglio non pubblicare ciò che incorrere in una grave violazione. Ricordiamoci che il termine “inviolabilità”, applicato al diritto alla privacy, è stato usato dai costituenti con il contagocce, proprio per dotare l’espressione di una notevole forza giuridica. E perciò si tratta di un diritto “forte”. Inoltre, nel codice deontologico dei giornalisti si prevede il requisito dell’essenzialità dell’informazione. La maggior parte delle intercettazioni pubblicate sono invece quasi sempre non essenziali.

Il ministro della Giustizia Paola Severino ha dichiarato che sulle intercettazioni il governo non ha in cantiere né un disegno di legge, né tanto meno un decreto legge. Ma non è urgente una riforma?
Senz’altro è urgente. Il problema però è la convergenza fra le forze politiche. Lo sconcerto per l’utilizzo mediatico dello strumento è trasversale: dovrebbero capirlo per primi i giornalisti, che sono interessati a vendere i giornali e non a scandalizzare i lettori, che, per crisi di rigetto, non leggono più. Per questo sarebbe utile che l’Ordine dei Giornalisti si attivasse per arrivare a una soluzione. Ciò renderebbe più credibile la stampa.

Anche Ilda Bocassini, procuratore aggiunto a Milano che segue l’inchiesta sul Ruby-gate, si è sentita «indignata»  leggendo sul giornale delle «cose che non si dovrebbero leggere». L’autoregolamentazione da parte dei giornalisti risolverebbe i problemi?
Almeno ci si potrebbe provare. Oggi, la situazione è fuori controllo, lo sappiamo, perciò è inutile gridare al “bavaglio” e poi non fare nulla per arginare questi abusi. Per i giornalisti scrupolosi la disciplina del diritto di cronaca non può prescindere dal diritto alla riservatezza. Altrimenti chiunque potrebbe spiare in nome di un “pubblico interesse”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana