Google+

Province, la Camera approva “l’abolizione”, che diventa legge

aprile 3, 2014 Chiara Rizzo

Con 260 voti favorevoli varato il ddl Del Rio che introduce le città metropolitane e, in via transitoria in attesa della riforma del Titolo V, gli enti di vasta area. Ecco cosa cambia

Con 260 voti favorevoli, 150 contrati e 7 astenuti la Camera ha approvato in via definitiva il disegno di legge Del Rio per “l’abolizione delle province”, che ora diventa legge. Il ddl introduce in realtà una modifica alla composizione attuale degli enti provinciali, istituendo le città metropolitane e le unioni o fusioni di comuni. Per la cancellazione vera e propria delle province bisognerà attendere la riforma del Titolo V della Costituzione (il ddl è stato già approvato dal Consiglio dei ministri il 31 marzo), che modichiferà definitivamente enti e compentenze. Oggi sono state respinte tutte le proposte di modifiche presentate dall’opposizione: durante la votazione più volte il capogruppo di Forza Italia Renato Brunetta ha gridato «Golpe! Questo è un golpe». All’approvazione del ddl è seguito un applauso proveniente dai banchi del Pd.

CITTA’ METROPOLITANE. La principale innovazione del ddl Del Rio è l’introduzione di 10 città metropolitane. Oltre a Roma capitale, ci saranno anche Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria. A queste se ne aggiungeranno altre cinque nelle regioni a statuto speciale o nelle attuali province autonome, che avranno facoltà di crearle. Le prime che sono state varate con questo ddl saranno Catania, Palermo, Cagliari e Trieste.

I NUOVI ORGANI METROPOLITANI. Il territorio delle nuove aree metropolitane coinciderà con quello della provincia omonima attuale, ma è prevista una procedura per il passaggio da comuni di una provincia limitrofa alla nuova area. Gli organi di governo saranno il sindaco metropolitano, il consiglio e la conferenza metropolitana. Tutti questi organi lavoreranno a titolo gratuito: il sindaco metropolitano sarà il sindaco del comune capoluogo.

IL CONSIGLIO METROPOLITANO. Oltre al sindaco vi partecipano anche un numero di consiglieri variabili a seconda della popolazione di riferimento, variabile comunque sempre tra 14 e 24 consiglieri. Resta in carica 5 anni ed è eletto dai sindaci e dai consiglieri dei comuni della città metropolitana, che hanno diritto di elettorato passivo e attivo. Il consiglio è organo di indirizzo e controllo, e avrà il potere di approvare regolamenti, piani e programmi o altri atti sottoposti dal sindaco metropolitano, ma potrà anche proporre lo statuto e approverà il bilancio.

LA CONFERENZA METROPOLITANA. È composta dal sindaco metropolitano e dai sindaci dei comuni dell’area. È competente per l’adozione dello statuto, ha potere consultivo per l’approvazione dei bilanci.

LE NUOVE FUNZIONI. Alle città metropolitane passano le funzioni fondamentali delle province oltre ad alcune nuove. Si dovranno occupare del piano strategico del territorio, della pianificazione territoriale, dei servizi pubblici, della mobilità e viabilità, della promozione dello sviluppo economico e sociale, dei sistemi di informatizzazione in ambito metropolitano.

I TEMPI. Il primo passo – ad eccezione dell’area di Reggio Calabria (dove il comune è stato commissariato, per cui servirà una tempistica ad hoc) – sarà l’indizione delle elezioni dell’assemblea che dovrà redigere il nuovo statuto dell’area metropolitana, e che dovrà terminare i propri lavori entro e non oltre il 30 settembre 2014, quando invierà la proposta di statuto al consiglio metropolitano che lo approverà entro il 31 dicembre 2014. Entro il 30 settembre 2014 andranno svolte anche le elezioni del consiglio metropolitano (come detto solo tra i sindaci e consiglieri comunali) e il suo insediamento. In via transitoria gli attuali presidenti della provincia e giunte in carica continueranno a esercitare l’ordinaria amministrazione fino al 31 dicembre, ma a titolo gratuito. Dal 1 gennaio 2015 entrano in funzione a tutti gli effetti le città metropolitane.

LE ALTRE EX PROVINCE. La disciplina per tutte le altre 100 province italiane è qualificata come transitoria, fino alla riforma del Titolo V. Si chiameranno enti di vasta area e saranno governati da un presindente di provincia, da un consiglio provinciale e da un’assemblea dei sindaci che lavoreranno però sempre a titolo gratuito. Il presidente della provincia dovrà essere eletto tra i sindaci della provincia, da questi ultimi e dai consiglieri dei comuni aderenti. Rimarrà in carica 4 anni, e vincerà il candidato con il maggior numero di voti. Gli altri organi degli enti di vasta area sono il consiglio provinciale e l’assemblea dei sindaci. Il consiglio è formato da un numero di membri variabili in base alla popolazione e sempre compreso tra i 10 e i 16. Hanno diritto di elettorato attivo e passivo i sindaci e i consiglieri comunali della provincia, e ha potere di proposta dello statuto e di approvazione dei bilanci. L’assemblea dei sindaci, composta da tutti i primi cittadini dell’ente di vasta area, e ha gli stessi poteri del consiglio che però le può attribuire per statuto anche altre funzioni, con potere propositivo, consultivo e di controllo. Le funzioni delle aree metropolitane sono al momento le stesse per questi enti di vasta area.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana