Google+

Profughi siriani costretti a vendere organi per sopravvivere all’inverno in Libano. Storia di Raïd

novembre 18, 2013 Leone Grotti

Per sopravvivere insieme alla sua numerosa famiglia, Raïd vende un rene a una banda libanese per 5.200 euro

Raïd ha 19 anni, sette mesi fa è fuggito dalla guerra siriana verso il Libano insieme ai suoi genitori e sei fratelli. Dopo pochi mesi la sua famiglia si è ritrovata a Beirut senza soldi, casa e vestiti come accaduto a decine di migliaia di altre famiglie e per questo Raïd ha deciso di vendere un rene.

GUERRA FRA POVERI. Secondo quanto riportato da Der Spiegel, il commercio illegale di organi è una pratica consolidata in Libano e se tradizionalmente erano i palestinesi, disperati, a venderli per tirare avanti, ora si è innescata una guerra fra poveri con i rifugiati siriani (oltre un milione in Libano) che cercano di prendere il loro posto. Raïd si è affidato a un uomo che si fa chiamare Abu Hussein, che lavora per una banda libanese specializzata nel traffico di reni: «Ora per i reni abbiamo più venditori che compratori. Negli ultimi mesi abbiamo venduto 150 reni, anche all’estero».

UN RENE PER 5 MILA EURO. Raïd ha ceduto il suo rene per 5.200 euro e mentre lui si operava con a fianco la madre, la famiglia «era a comprare una stanza dove vivere, materassi, vestiti, un frigo, un forno e altre cose per passare l’inverno». Secondo Abu Hussein quello di organi non è un commercio malvagio, perché ci guadagnano tutti: «I siriani donatori ci guadagnano, chi è malato e paga oltre 10 mila euro per un rene nuovo riceve una nuova vita. Io, invece, prendo per ogni affare andato a buon fine 600 o 700 dollari».

«NON MI IMPORTA SE MUORI». Abu Hussein decanta a Der Spiegel anche le meraviglie della clinica segreta dove vengono condotte le operazioni. Ma le cose non vanno così bene come racconta l’uomo. Raïd infatti ha cominciato a stare male una settimana dopo l’operazione e ha chiesto al trafficante di organi gli antidolorifici che gli avevano promesso ma si è sentito rispondere così: «Taci, non mi importa niente se muori. Tanto sei finito comunque».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana