Google+

Profilattico: anche Fiorello cade nella trappola della superficialità

dicembre 9, 2011 Carlo Candiani

Trattare argomenti spinosi in modo banale e superficiale va ormai di moda. Prima di Fiorello, era stato il caso del duo Fazio-Saviano con l’eutanasia

Il 1° Dicembre 2011 si è celebrata la Giornata mondiale contro l’Aids, malattia che miete ancora vittime, specie in Africa; epidemia generata da un virus che si trasmette attraverso i rapporti sessuali tra soggetti sieropositivi. Su come prevenire questa piaga il mondo medico e intellettuale è da sempre diviso sull’efficacia o meno del profilattico: nonostante l’esistenza di studi che dimostrano come l’educazione alla sessualità, come dice la Chiesa cattolica, sia l’arma migliore per combattere la malattia, e come al contrario il profilattico non sia efficace, la discussione rimane aperta e dibattutissima. Ad ogni modo, la base di discussione deve, o dovrebbe, essere scientifica e non ideologica.

Con la scusa di satireggiare un presunto ordine, partito dalla dirigenza Rai, di evitare la parola profilattico nei discorsi di chi fosse apparso in video proprio il 1° dicembre, Fiorello, nell’ultima puntata del suo fortunatissimo show del lunedì, ha sentito l’impellente bisogno di imbastire uno spot prolungato (coinvolgendo Jovanotti, Benigni, nonché il pubblico in sala) sull’efficacia del profilattico e sulla necessità dell’uso proprio da parte dei più giovani, quelli che lui chiama affettuosamente i “pischelli”. Al netto del tipo di spettacolo (per famiglie) che Fiorello e i suoi autori hanno sempre cercato di realizzare e difendere, tra l’altro con ottimi risultati di pubblico e di critica, viene da domandarsi, prima di tutto, se questa uscita non risulti un boomerang e se l’inno al profilattico in prima serata non sia l’ennesima sottomissione alla cultura dominante, che sponsorizza il profilattico di continuo.

Il punto non è l’assunzione da parte dei più giovani della tivù come modello, che non avviene, come la crisi del Grande Fratello che proprio Fiore ha causato dimostra. Se la tivù pedagogica non c’è più, è finito il tempo di “Non è mai troppo tardi”, è ancora intatta la sua funzione informativa e sono qui i limiti della tirata di Fiorello. Il suo interventonon è che l’ultimo tassello, in ordine di tempo, di troppi predicozzi su argomenti delicati e complessi, comunicati con la pretesa della definitività. Si ricordi, ad esempio, la polemica scoppiata per il sostegno alla buona morte, l’eutanasia per i malati terminali, nella trasmissione del “dinamico duo” Fazio – Saviano, Vieni via con me, quando, alla richiesta di poter raccontare anche esperienze diverse, nello stesso spazio televisivo, è stato risposto picche attraverso vaghi argomenti di opportunità.

Si pensi anche agli spazi di alta audience, come quelli satirici di Crozza e Litizzetto, nei quali, in mezzo a battute esilaranti, si infila spesso l’attacco premeditato a chi difende alcuni valori passati di moda come quelli cristiani, tanto per essere chiari. Il problema, ovviamente, non è la capacità dei comici di intrattenere, strappando sorrisi con l’arma dell’ironia, nel racconto della complessa quotidianità. È grave, però, che argomenti molto delicati vengano trattati in modo superficiale, e che molti bravissimi uomini di televisione cadano nella trappola dell’ideologia escludente, vanificando di fatto la libertà di satira. Perché una cosa è mettere alla berlina questioni politiche, discutibili e opinabili, un’altra è urtare la sensibilità di molte persone affrontando in modo inadeguato argomenti complessi e spinosi.

Insomma, parlando di narrazione televisiva, è come se si leggesse un romanzo, declamandolo in pubblico saltando i capitoli. Cosa potrà mai capire chi ascolta?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana