Google+

Processo Del Turco, il Tribunale dice no alle intercettazioni illegali

maggio 22, 2013 Chiara Rizzo

Durante l’ultima udienza, la corte ha rifiutato di acquisire le intercettazioni tra uno degli imputati e ai consulenti della difesa, perché illegali. Angelini costretto ad una retromarcia su una delle “prove regina” dell’accusa

Dopo alcune udienze eclatanti che tempi.it ha raccontato qui e qui, l’altra mattina a Pescara, il processo contro Ottaviano Del Turco ha visto il rigetto di una richiesta del pm. L’accusa avrebbe infatti voluto far entrare al processo come prove alcune intercettazioni captate tra uno degli imputati e i consulenti della sua difesa, ma – come raccontato a tempi.it dall’avvocato di Del Turco, Giandomenico Caiazza – si trattava di intercettazioni non consentite dalla legge: una motivazione riconosciuta anche dal Tribunale di Pescara, che ha perciò respinto la richiesta del pm.

ANGELINI E IL GIUBBOTTO. Un nuovo colpo di scena si è avuto in aula con Vincenzo Angelini, l’imprenditore della sanità privata testimone chiave dell’accusa, che sostiene di aver versato tangenti a Del Turco. Angelini, a sostegno delle proprie accuse, aveva dato ai pm di Pescara alcune foto che avrebbero dovuto ritrarre una delle consegne delle tangenti. L’autenticità di queste foto è stata messa fortemente in discussione da alcune perizie.
In attesa che il 31 maggio giungano i risultati di una nuova perizia super partes commissionata dal Tribunale, uno dei periti della difesa degli imputati aveva anche dimostrato che almeno una delle foto risalirebbe non al 2007 come sostiene Angelini, ma ad un periodo successivo: lo proverebbe il giubotto che Angelini indossava nella foto, in commercio solo a partire dal 2011.
L’imprenditore si è finora sempre ribellato a questa ricostruzione, ma lo scorso 13 maggio in aula è arrivato il proprietario della ditta che produce i giubotti in questione per smentirlo clamorosamente. Ad Angelini non è rimasto quindi che fare una brusca e tragicomica retromarcia nell’ultima udienza: «Penso di essermi sbagliato – ha proseguito – perché di quei giacconi ne ho posseduti una quindicina. Ho creduto in buona fede che fosse quello nella foto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download