Google+

Privati di tutto ma non della propria umanità. Anche i carcerati partecipano alla Colletta alimentare

novembre 21, 2012 Francesco Amicone

Per il terzo anno consecutivo, i detenuti potranno partecipare alla giornata della Colletta alimentare. Anche quest’anno ci sarà Franco Baresi. Racconta l’iniziativa Emanuele Pedrolli (Incontro e Presenza)

Mentre all’Unione Europea, i paesi del nord, con Germania in testa, si discute sulla soppressione dei contributi europei agli indigenti, c’è chi pur vivendo nella privazione, dietro le sbarre e una emergenza perenne, è desideroso di dare qualcosa a chi ha poco o nulla. Come i detenuti di venti penitenziari italiani, che anche quest’anno parteciperanno attivamente alla giornata della Colletta alimentare, il 24 novembre. «Sembrava un’impresa chiedere a chi vive in situazioni terribili, di dare il poco che ha a chi vive fuori dal carcere in situazioni di povertà», spiega Emanuele Pedrolli, uno dei responsabili dell’associazione “Incontro e Presenza”, «invece dai primi tre penitenziari sono oggi una ventina i carceri che collaborano all’iniziativa e i carcerati sono generosi».

I carcerati che vogliono aiutare chi sta “fuori”. Non è un paradosso?
Al di là dei nostri primi timori, che riguardavano la richiesta di sacrifici a persone nella maggior parte indigenti, abbiamo visto che il desiderio di partecipare a questo gesto umano è fortissimo. Per i volontari che lavorano con i carcerati, si tratta di un’esperienza eccezionale.  Noi viviamo in un’epoca di crisi, ma il carcerato vive in una “crisi” che dura sino a fine pena. Molto spesso si riducono a sopravvivere, a passare il tempo. Questa iniziativa è per loro, invece, un’occasione per scoprire che si può andare oltre la “sopravvivenza”, anche in condizioni estremamente difficili. Un’esperienza che spinge i detenuti a vivere il presente come «tempo della persona».

Da cosa nasce questa iniziativa?
Dal desiderio di due carcerati, Fabrizio e Said. Avevano sentito parlare della giornata nazionale della colletta alimentare e volevano fare come “quelli fuori”, impegnando parte delle proprie risorse e del proprio tempo per donare aiuti alimentari a chi ne ha bisogno. Non potendo portare loro fuori abbiamo portato la colletta alimentare in carcere.

Come funziona la colletta in carcere?
A differenza di quanto avviene fuori, le cose sono molto più complicate: in carcere vige il “supervitto”, un sistema per il quale i detenuti possono fare la spesa soltanto quattro volte al mese e a prezzi carissimi. Con la colletta alimentare, loro ordinano, acquistano come fanno normalmente e poi donano, attraverso le sbarre, il proprio pacchetto ai volontari. Noi, come Incontro e Presenza, gestiremo l’iniziativa su tre carceri e abbiamo dato la disponibilità ad altri penitenziari. Inoltre porteremo una quindicina detenuti a fare i volontari nei supermercati, mentre altri lavoreranno al magazzino di stoccaggio del Banco Alimentare.

Com’è vissuta questa esperienza dai detenuti?
Da sempre, dopo la giornata della colletta, chiediamo loro di scriverci due righe su quello che hanno vissuto. E qui si scopre la cosa più bella: quando ci si rende conto dell’esperienza vissuta e del fatto che la privazione della libertà e l’errore commesso non ci determinano e non ci impediscono di essere uomini fino in fondo.

All’iniziativa parteciperà, ancora una volta, Franco Baresi, che il pomeriggio del 24 novembre sarà presente presso il carcere di Opera. A San Vittore, invece, Carolina Pellegrini, assessore a Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà di Regione Lombardia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana