Google+

Preti alla macchia. «Non si diventa sacerdoti per fuggire dall’Africa»

febbraio 3, 2017 Rodolfo Casadei

Settantotto religiosi spariti nel nulla. il sacerdozio, dice un vescovo della Costa d’Avorio, non deve essere solo un “trampolino” per andarsene

prete-shutterstock_2621157

Non tutto è oro quel che luccica. Si potrebbe anche riassumere così il messaggio che il vescovo cattolico di Yamoussoukro, capitale della Costa d’Avorio, ha voluto trasmettere con la sua omelia per l’ordinazione di otto sacerdoti settimana scorsa nella cattedrale di sant’Agostino (da non confondere con la basilica di Nostra Signora della Pace, fatta erigere nella stessa città di Yamoussoukro dall’allora presidente Felix Houphouet-Boigny, copia esatta della basilica di San Pietro a Roma e del suo colonnato). Più delle felicitazioni del vescovo agli ordinandi per la radicalità della loro scelta vocazionale, segno della libertà di chi rinuncia al potere, ai beni materiali e alla giovinezza stessa per amore di Cristo, ha fatto notizia la sua affermazione che 78 sacerdoti di recente ordinazione appartenenti a due diocesi africane risulterebbero alla macchia. Avrebbero sfruttato gli ordini sacri per darsi agli affari e viaggiare all’estero. In questi termini riporta l’intervento di monsignor Marcellin Yao Kouadio il sito linfodrom: «Purtroppo molti africani considerano sempre meno la loro vita in termini di libertà, di dignità e di onore», avrebbe detto. «Ne è prova il numero impressionante di candidati all’emigrazione, giovani e adulti. Sì, gente che vuole andare in Europa, negli Stati Uniti o in Canada per godere i frutti del lavoro laggiù. Questo fenomeno sta interessando anche i membri del clero e delle congregazioni religiose. Molti cercano di andare a esercitare il loro ministero o apostolato in un paese dell’abbondanza, per una questione di beni materiali e di prestigio. Ci sono due diocesi, qui in Africa, che hanno l’una 25 e l’altra 53 preti che sono svaniti nel nulla, in totale 78 preti».

Con 66 seminaristi maggiori ogni 100 sacerdoti in attività, l’Africa è il continente numero uno per vocazioni sacerdotali della Chiesa cattolica. L’Europa è ormai fanalino di coda, con soli 10 seminaristi ogni 100 sacerdoti. Pure le Americhe appaiono in difficoltà, con 28 seminaristi ogni 100 sacerdoti. Secondo quel che scrive l’Annuario pontificio nel 2014, ultimo anno per il quale si dispone di dati completi e aggiornati, il numero dei seminaristi maggiori è diminuito in tutto il mondo rispetto al triennio precedente tranne che in Africa, dove è aumentato del 3,8 per cento. Ovviamente l’Africa è anche il continente col maggiore incremento del numero dei sacerdoti, che fra il 2005 e il 2014 sono cresciuti del 32,6 per cento, mentre in Europa diminuivano dell’8 per cento nello stesso arco di tempo. Monsignor Yao Kouadio, che fu ordinato sacerdote nel 1990 e che è stato consacrato vescovo nel 2009, mette in guardia dai facili entusiasmi per il perdurante boom africano delle vocazioni e richiama il problema della loro qualità: «Il sacerdozio e la vita religiosa non devono essere un trampolino per fuggire dall’Africa, nostra madre, perché essa è povera. A immagine di Gesù Cristo, siete chiamati ad amare la Chiesa, particolarmente la Chiesa che è in Africa. Vi esorto, come raccomanda l’apostolo Paolo nella lettera ai Galati, a camminare secondo l’impulso dello Spirito Santo. Prendete la santità a modello di vita».

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download