Google+

Presunti pedofili Bassa Modenese. «Vescovo, mi aiuti a conoscere i miei fratelli»

febbraio 16, 2017 Stefano Covezzi

Lettera di Stefano Covezzi, “vittima” di un processo che ha rovinato la sua famiglia e lo ha allontanato, 17 anni fa, dai suoi fratelli

tempi-bassa-modeneseLa lettera che pubblichiamo di seguito è stata inviata da Stefano Covezzi a monsignor Erio Castellucci, vescovo di Modena. Stefano, 17 anni, è il figlio di Delfino Covezzi e Lorena Morselli, due delle persone coinvolte nell’assurdo caso giudiziario sui presunti pedofili satanisti della Bassa Modenese. Tempi ne raccontò la vicenda qui. Dopo sedici interminabili anni, il processo nei confronti di alcune famiglie si concluse con un’assoluzione: i genitori accusati di seviziare i propri figli in riti orgiastici condotti da un sacerdote (don Giorgio Covoni, che per le accuse morì di crepacuore) furono scagionati. Ma se giustizia, infine, fu fatta, essa non impedì ad alcune di queste famiglie di pagare un tributo altissimo. Fra queste, la famiglia Covezzi. Delfino, rimasto in Italia, ne morì di dolore, Lorena, riparata in Francia col piccolissimo figlio Stefano, ha visto la sua famiglia distrutta. Lorena, come ci raccontò in questa intervista, ha sempre cercato un contatto coi figli che le furono sottratti, inutilmente. In questa lettera, di cui pubblichiamo alcuni passaggi, Stefano chiede al vescovo un aiuto per incontrare i fratelli che non ha mai conosciuto.

Egregio Mons. Erio Castellucci,

Mi chiamo Stefano Covezzi, ho 17 anni, frequento il liceo scientifico di Lorgues, sono ancora chierichetto nella parrocchia dove abito, a Salernes, frequento la riunione settimanale dei giovani in parrocchia, sono scout, ho partecipato alla J.M.J. a Cracovia la scorsa estate. I miei genitori sono nati a Modena, io sono nato in esilio in Provenza.

Non mi dilungo a descriverle una vicenda lunga, dolorosa, nella quale, fin dall’inizio, fu coinvolto un prete della sua diocesi: don Giorgio Govoni, che fondò, per mandato della diocesi, “Il Porto”, un’opera che accoglieva ed accoglie famiglie, persone in difficoltà.

Solo il suo nome evoca inchieste balorde con orchi, teste mozzate, cimiteri, squallore, bambini maltrattati poi allontanati e separati, processi, deliri, assistenti sociali e psicologi, avvocati, tante persone incarcerate, numerosi decessi, fra i quali il mio caro papà: dopo 16 anni di processi non ha visto la definitiva assoluzione, perché un infarto me l’ha portato via l’8 agosto 2013 nella festa di San Domenico.

Esiste un bel volume sulla vicenda, scritto da mons. Ettore Rovatti, che fu professore al liceo dell’On. Giovanardi, modenese cristiano: Don Giorgio Govoni, martire della carità, vittima della giustizia umana; può trovarne una copia solo in canonica a Finale Emilia, in quanto fu sequestrato all’epoca in cui fu distribuito nelle librerie (esistono altre opere riguardanti la vicenda, nonché molto materiale giornalistico nazionale e locale).

Mons. Erio, le scrivo per chiederle un favore: può aiutarmi ad incontrare i miei fratelli, che furono allontanati un freddo mattino del novembre 1998, insieme ad altri 16 bambini nella Bassa Modenese?

Malgrado le numerose assoluzioni, nessuno vuole tornare a casa e, peggio, i miei fratelli e le mie sorelle non vogliono neppure conoscermi.

Mons. Erio, io sono nato dopo che furono allontanati, dunque non c’è ragione che non vogliano almeno incontrarmi: io non c’entro nulla! Non capisco cosa sia successo ai miei fratelli dopo che furono allontanati; nessuno capisce, ma io soffro di questo loro silenzio, malgrado cerchi di contattarli e ad ogni occasione, invio auguri, pensieri, lettere, ma… nulla!

Mons. Erio, credo che lei possa fare molto per riallacciare i legami che qualcuno ha spezzato. Non si tratta di fare processi; aspetto con ansia il momento di conoscerli, mi aiuti!

La metto nelle mie preghiere e la saluto cordialmente,

Stefano Covezzi

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata dalla collaborazione con Toyota e sviluppata sulla base della piattaforma modulare EMP2 del Gruppo francese PSA, la monovolume Citroën SpaceTourer è in grado di ospitare sino a 9 persone complice la disponibilità di tre taglie – come le magliette – del corpo vettura. Tanta duttilità viene ora rafforzata dal debutto, in occasione del Salone […]

L'articolo Citroën SpaceTourer 4×4 Ë: spazio al fuoristrada proviene da RED Live.

Cilindrata inusuale, propulsore fuori dagli schemi: 5 cilindri in linea, 20V, 2.480 cc, distribuzione a doppio albero a camme in testa con variatori di fase a regolazione idraulica, iniezione diretta della benzina e sovralimentazione mediante turbocompressore a gas di scarico in grado di raggiungere una pressione massima di 1,2 bar. La nuova Audi RS3 Sportback è […]

L'articolo Audi RS3 Sportback scopre le zanne proviene da RED Live.

Arriverà a inizio autunno la nuova crossover Volvo XC40. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio del marchio svedese messo in atto dalla cinese Geely. Concorrente diretta di Audi Q3, BMW X1 e Mercedes-Benz GLA, costituirà il punto d’approdo di un progetto globale, basato sull’inedita piattaforma CMA (Compact Modular Architecture) che consentirà di ospitare ogni […]

L'articolo Volvo XC40: la prima elettrica del marchio svedese proviene da RED Live.

La concept americana è la prima vettura elettrica a guida autonoma del Gruppo Fiat-Chrysler. Lo smartphone assume un ruolo dominante nella gestione dell’auto. Portata all’estremo la personalizzazione dei servizi a bordo.

L'articolo Chrysler Portal: immagina il futuro proviene da RED Live.

Il racing game di Slightly Mad Studios torna a rombare su console e PC con oltre 170 auto, 60 tracciati, meteo dinamico e nuove funzionalità.

L'articolo Project CARS 2: una marcia in più! proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana