Google+

Ciò che la mannaia del governo sulle prefetture non riesce a capire

giugno 22, 2014 Alfredo Mantovano

Ciò che finora è mancato non sono state le riforme, ma la loro applicazione: misure importanti varate dagli esecutivi Letta, Monti e perfino Berlusconi sono rimaste sulla carta perché alcune burocrazie ne hanno fermato i decreti attuativi

La pubblica amministrazione è entrata nel mirino di Renzi fin dal primo giorno di governo. In coerenza con l’annuncio, l’ultimo Consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge presentato come la chiave di volta per un rapporto fra Stato e cittadino finalmente efficiente e celere. Mi fermo solo su un passaggio di una riforma ampia e ambiziosa: quello dedicato alle prefetture e alle articolazioni periferiche dei ministeri. Esso prevede che restino in vita le prefetture delle città capoluogo di regione, con qualche aggiunta qua e là (si parla in tutto di 40 prefetture sopravviventi), e che gli uffici delle altre amministrazioni siano accorpati, con la gestione unitaria dei servizi strumentali. Presumendo che il presidente del Consiglio faccia sul serio e condividendone lo sforzo nelle linee di massima, è il caso però di riflettere su qualche dettaglio.

Ho trascorso al Viminale otto anni e mezzo. Incontrando centinaia di prefetti, più volte mi sono chiesto come avesse fatto chi mi stava di fronte a ricevere quell’incarico; il “principio delle carte a posto” prevale di frequente su quello della soluzione del problema sottoposto alla loro attenzione; con tante lodevoli eccezioni, non sono e non si rendono simpatici, specializzati – come sembrano – a opporre l’inerzia rispetto a ogni novità, con uno spirito di corpo che è più autoreferenzialità che orgoglio di appartenenza. Tutto ciò però attiene alle modalità di reclutamento, di avanzamento e di formazione: è ragione valida per sopprimere i 2/3 delle prefetture italiane invece che migliorare il reclutamento e la formazione? Ogni prefettura svolge compiti che esigono una distanza corta dal cittadino: si pensi alla cosiddetta depenalizzazione, cioè alle sanzioni che una volta erano penali, ora sono amministrative, e che vengono irrogate da questi uffici; risponde a efficienza che il diretto interessato che voglia far valere le sue ragioni si sposti dal capoluogo di provincia a quello di regione? Si pensi ai beni confiscati o alle pratiche di cittadinanza: è ragionevole un solo ufficio per un’intera regione? Siamo convinti che l’accorpamento cancelli lentezze e ritardi? Non viene il dubbio che un unico ufficio abbia una fila più lunga rispetto a quattro o cinque?

Ci sono modi e mezzi per ridare efficienza alle amministrazioni, in particolare alle prefetture. Alle fine degli anni Novanta fu varato – con enfasi pari a quella attuale – l’Ufficio territoriale del governo, che riqualificava ogni prefettura in una sorta di sportello unico di tutti gli uffici periferici dello Stato, a cominciare da quelli finanziari: non è mai diventato operativo. È utile chiedersi come mai: intanto per evitare che, fra leggi dello Stato e decreti delegati, anche all’attuale riforma tocchi la stessa sorte; e poi per recuperare quel che si può di quell’impianto, che è ancora legge. Ciò che finora è mancato non sono state le riforme, ma la loro applicazione: misure importanti varate dagli esecutivi Letta, Monti e perfino Berlusconi sono rimaste sulla carta perché alcune burocrazie, cui non erano gradite, ne hanno rallentato, se non fermato, i decreti attuativi. Questo vuol dire che una decisa e paziente azione di governo con gli strumenti che si hanno a disposizione – che sono tanti – pesa incomparabilmente di più di una megariforma allo stadio iniziale. Il cui effetto rischia di essere solo la soppressione di larga parte della struttura amministrativa decentrata dello Stato, senza nulla che la sostituisca. A quel punto, sempre presumendo che il presidente del Consiglio faccia sul serio, non funzionerebbe neanche lo spot.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. beppe scrive:

    avete individuato la CASTA DELLE CASTE. e adesso che fare? staremo a vedere se renzi, a capo del partito-stato per eccellenza, avrà il coraggio di affondare il bisturi. ho l’impressione che al dilà dei proclami di facciata, allargherà la pletora dei dipendenti pubblici e metterà sotto il torchio fiscale i lavoratori autonomi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana