Google+

Preferisco gli atei a certi religiosi post-modernisti

agosto 6, 2017 Renato Farina

Di recente sono apparsi libri e articoli consolatori su questo inesorabile esito (exitus) del nostro pellegrinaggio nel mondo

gesù-apostoli

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – D’estate comincia la morte. È una legge della natura. La pienezza comporta la decadenza. È questione di tempo. Dove c’è il tempo non si scappa a questo destino. Ha un bello spiegare lo scienziato-filosofo Rovelli che il tempo non esiste. La morte però sì. E la stagione giusta – quella di ferie e dintorni – per discorrerne. Di recente sono apparsi libri e articoli consolatori su questo inesorabile esito (exitus) del nostro pellegrinaggio nel mondo. Sono di due tipi. Vediamo.

1. Soluzione epicurea. La morte in fondo non c’è. C’è solo per i gonzi che non riflettono. Quando infatti tu ci sei, la morte non c’è. Quando c’è lei, non ci sei tu. Dunque, come canta Vasco Rossi, «forse non ci incontreremo mai». Il fatto è che a spaventare è esattamente l’ipotesi del nulla. Se uno vuol bene a qualcuno è l’esperienza della morte dell’amato a essere una spada nel cuore. La morte esiste e ci percuote anche se non è la nostra. Non ci interessa che “tua madre ha finito di soffrire”, ma che sia inghiottita dallo Zero, come lo chiama Victor Hugo.

2. Ipotesi consolatoria. Ha due sottocategorie.

a) Orientaleggiante. Il nostro io, anche la nostra essenza spirituale, una volta chiamata anima, ha una consistenza fintanto che è un tutt’uno con il corpo. Esalato l’ultimo respiro la coscienza si unisce come una scintilla nel fluire luminoso della vita. Oggi anche in Occidente sono più coloro che credono alla reincarnazione di quanti confidano nell’immortalità personale, coloro poi che credono nella “resurrezione della carne” (come professa il credo apostolico) sono una minoranza in sparizione come le foche monache.

b) Cattolica post-modernista. Non bisogna credere al Vangelo come narrazione di fatti storici, ma come un insieme di insegnamenti teologici. Il paradiso non esiste, tantomeno l’inferno. La resurrezione di Cristo? Non è stata un fatto storico, è una realtà metaforica. Ma dalla Bibbia possiamo ricavare questo: che la morte, se non sei stato malvagio, in realtà non esiste. Se hai praticato il male senza pentimento allora sì che morirai. Gli altri vivranno. Come? Dove? Non in paradiso, non esiste. Figuriamoci il purgatorio. Ma bisogna essere nella gioia.

Ecco, quasi quasi preferisco gli atei. Io personalmente ritengo più seria e vera la testimonianza degli apostoli. Io metto lì la mia ragionevole speranza: Cristo è risorto corporalmente. Tale sarà misteriosamente, per grazia e per il nostro sì, la nostra magnifica sorte. Morte dov’è il tuo pungiglione?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana