Google+

Povera Unione Europea. La redistribuzione dei migranti? Sarà «obbligatoriamente volontaria»

giugno 23, 2015 Leone Grotti

Il linguaggio usato dall’ultima bozza europea sull’emergenza migranti non fa che dimostrare che l’Ue non è mai stata così divisa

In Europa qualcuno festeggia perché il compromesso sull’emergenza migranti è «a portata di mano». L’obiettivo è sempre lo stesso: alleggerire Italia e Grecia di 40 mila migranti, da distribuire tra i 28 paesi dell’Unione Europea. Dopo due mesi di tira e molla, ora la Commissione europea sembra essere arrivata a un accordo, ma a leggere la bozza, la toppa è peggiore del buco.

OBBLIGATORIA O VOLONTARIA? In origine, l’Europa aveva accettato di condividere il peso della straordinaria ondata migratoria, dovuta a guerre e persecuzioni soprattutto in Siria ed Eritrea, che ha come punto di arrivo naturale le coste italiane. In realtà, quasi tutti i migranti vogliono procedere più a nord, ma per farlo devono passare da Lampedusa e dalla Sicilia. Si era deciso di distribuire, secondo quote obbligatorie, 40 mila persone con diritto d’asilo. Poi gli egoismi nazionali hanno avuto la meglio e la redistribuzione è diventata «volontaria».

LINGUAGGIO FUMOSO. Ora, si legge nella bozza finale del vertice europeo in programma giovedì e venerdì, i leader si impegneranno ad approvare «la redistribuzione per due anni da Italia e Grecia verso gli altri Stati di 40 mila persone che abbiano evidente bisogno di protezione temporanea». Già in questa frase, si può notare un primo cavillo: chi sono le persone che hanno «evidente bisogno di protezione temporanea»? Il diritto d’asilo è codificato nel diritto internazionale e non opinabile. Questa espressione, invece, sembra fatta apposta perché ogni paese possa trovare la sua scappatoia e lasciare l’Italia con le pive nel sacco.

LA BOZZA. Ma al di là di questo, in base alla bozza, chi accoglierà le 40 mila persone con «evidente bisogno di protezione temporanea»? Non si parla più di quote obbligatorie, per la gioia dei paesi baltici e non solo. Ma per non scontentare Italia e Grecia, che potrebbero sentirsi lasciate sole e prese in giro dall’Europa nel momento del bisogno, nel documento non si fa nemmeno riferimento a una ripartizione meramente volontaria, che equivarrebbe a un nulla di fatto.

«OBBLIGATORIETÀ VOLONTARIA». La trovata linguistica sotto cui nascondere le magagne di un’Europa che non potrebbe essere più divisa è ingegnosa: per quanto riguarda la distribuzione dei migranti ci sarà una «obbligatorietà volontaria». Proprio così. Impossibile dire che cosa significhi questo ossimoro. Per il momento, è solo una formula vuota per dare l’impressione che l’Europa non volti le spalle a nessuno. La decisione infatti è rimandata al 9 e 10 luglio, quando i leader dei Ventotto si riuniranno e dovranno decidere davvero che cosa fare. Allora ognuno dovrà dire se e quanti migranti si prenderà in casa: solo allora l’Italia saprà se l’Unione Europea serve a qualcosa oppure no.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Ho letto solo il lenzuolo. Loro sono qua perchè gli han fatto delle promesse, e le promesse vanno mantenute, e i poveretti non possono alzare i tacchi e prendere il primo che passa per tornare a casa (lo farebbero volentieri in tanti), perchè che il tram in orario estivo passa meno frequentemente per via……

  2. To.ni scrive:

    Ogni volta che escono formule tipo «obbligatorietà volontaria» oppure “donazione con corrispettivo” (nei più civili tra i paesi europei si chiama in questo modo la compravendita di ovuli o uteri) mi sovvieni di chiedere se qualcuno ha approfondito l’aspetto se è veramente impossibile uscire dall’Europa. Se veramente esistono ragioni di economia che sono stridenti al punto che equiparerebbe ad un suicidio uscirsene. Se siamo condannati obbligatoriamente a stare con questi educati, civilissimi maligni deficienti.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      …che credono di governare e invece sgovernano. E’ che se son là qlcuno ce i ha messi! Ma il punto è solo questo: abbiamo voltato le spalle a Dio, e ci va male, ovviamente, male.

  3. dodi scrive:

    Che schifo questa europa bleah!!!!!a cosa serve?ancora non ho capito sembra il nazismo fa quell’effetto li’….bo.

  4. angelo scrive:

    l’inutile europa si rivela per quel che è ogniqualvolta esce dall’inutile e soffocante piano burocratico, finanziario, ideologico. quando c’è da decidere qualcosa si rivela inutile e dannosa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana